Maria Gabriella Diana: la moda e i miei viaggi

Oggi abbiamo intervistato Maria Gabriella Diana, modella italiana che ormai da anni lavora tra New York, Parigi e la Germania chiedendole del rapporto tra il suo lavoro e i viaggi.

Quante volte, da bambini, ci siamo detti che avremmo voluto fare un lavoro anche per poter viaggiare in lungo e largo per il mondo e vedere tutte le meraviglie di luoghi che vedevamo solo nelle cartoline? 

Di sicuro qualcuno ha accarezzato l’idea di entrare nel mondo della moda anche per poter godere di questo aspetto: viaggi, shooting in luoghi da sogno…

Come ci racconta Maria Gabriella Diana che fa questo lavoro da anni, a volte c’è modo di ritagliarsi un po’ di tempo per sé anche durante un viaggio di lavoro. 

Ma chi si muove così spesso per lavoro e ha a che fare così tanto con gli aerei, ha qualche trucco segreto? Chiediamoglielo di persona!

La tua professione ti porta spesso in viaggio. Cosa non manca assolutamente mai nel tuo bagaglio a mano? 

Nel mio bagaglio a mano non manca mai il burro di cacao e le mie creme, per il viso, mani e corpo. Le cuffie, un elastico, acqua e gomme da masticare gusto menta forte.

Un viaggio per lavoro riesce a diventare anche un modo per visitare il luogo? 

Si a volte sì, se finisci presto di lavorare puoi andare a visitare un po la città prima di tornare in hotel o prendere il prossimo volo. 

Come mi e’ successo una volta a LA, ho finito di lavorare con un paio d’ore di anticipo e sono andata a vedere il tramonto a Venice Beach prima di andare in aeroporto per prendere il redeye di ritorno a New York.

Qual è il tuo posto del cuore? 

Eh ne ho tanti, da casa dei miei nonni a Napoli a casa dei miei nonni in Ecuador, a Cayambe in campagna. Mi piace molto il mare, la natura in generale. Il mio cuore si adegua ma dipende molto da con chi lo condivido. 

L’accessorio da viaggio che ti ha “cambiato la vita”? 

Lo sto ancora cercando…

Vacanza super organizzata o all’avventura? 

Preferisco una vacanza all’avventura ma con alcune cose organizzate ogni tanto per avere una linea di base. 

L’avventura di viaggio indimenticabile?

Quando sono andata in Sud America per due mesi e mezzo con le mie due migliori amiche dopo aver finito il liceo. Abbiamo fatto Ecuador, Colombia,Panama e Costa Rica con lo zaino in spalla, a 17/18 anni. Non me lo dimenticherò mai.

Facci sapere cosa ne pensi

Lascia un commento