Padova: cosa vedere e fare, le migliori attrazioni ed esperienze

Padova merita sicuramente una visita poiché ha tanto da offrire sia dal punto di vista storico che culturale. Si tratta inoltre di una città che propone alcune eccellenze enogastronomiche e si trova vicinissima ad alte località come ad esempio Venezia, Verona e Vicenza. Se dunque stai pianificando un week-end in questa località della regione Veneto, ecco una serie di utili suggerimenti per ottenere il meglio.

Consulta le migliori offerte di Hotel e B&B a Padova

Cosa vedere a Padova: luoghi d’interesse

In occasione di un week-end a Padova, troverai tante belle opere d’arte e una rilevante architettura da ammirare. Inoltre avrai l’opportunità di assaggiare alcune delle eccellenze enogastronomiche della regione e di farti coinvolgere in pieno in base a tante altre attività che la città è in grado di offrirti.

Prenota –> Tour turistico in autobus

Cappella degli Scrovegni

La tua prima tappa a Padova dovrebbe essere la Cappella degli Scrovegni ossia una chiesa che dall’esterno appare modesta, ma all’interno si trovano favolosi affreschi di Giotto. Tutte le pareti e il soffitto sono dipinte e raffigurano la vita della Vergine e di Cristo, oltre ai Vizi e Virtù e al Giudizio Universale e le scene sono disposte cronologicamente in ogni ciclo orizzontale. La Cappella che si trova in Piazza Eremitani, 8 è visitabile tutti i giorni della settimana dalle 9,00 alle 19,00 e il biglietto d’ingresso costa 14,00 euro.

Basilica di Sant’Antonio da Padova

La Basilica di Sant’Antonio da Padova è davvero enorme. Conosciuta semplicemente come quella del Santo, la struttura è un rinomato luogo di pellegrinaggio come si evince dal grande affollamento del 13 giugno ossia il giorno in cui si festeggia il suo onomastico. La Basilica di Sant’Antonio che all’esterno è in tipico stile romanico è stata costruita in gran parte nel XIII secolo, ed è dominata dalle cupole bizantine che ricordano molto quelle della Basilica di San Marco a Venezia. L’interno è invece gotico con molteplici cappelle e opere d’arte di rilievo. La magnifica Cappella barocca delle Reliquie ad esempio è del XVII secolo e dotata di sei bellissime statue. L’ingresso alla Basilica che si trova in Piazza del Santo 11 è gratuito, mentre l’orario di apertura è dalle 6,15 alle 19,00 ad eccezione della domenica in cui la chiusura è alle 19.30.

Palazzo dell’Università

Il Palazzo Bo situato nel centro storico di Padova è da sempre sede dell’Università di Padova. Il contesto puoi vistarlo solo con una guida che ti spiegherà chi sono i personaggi celebri che l’hanno frequentata, oltre che fornirti interessanti nozioni su come è stata pianificata da parte di un gruppo di accademici e studenti bolognesi. Il Palazzo Bo si trova in Via VIII Febbraio 2 ed è aperto dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18, mentre il sabato, la domenica e i giorni festivi l’orario è continuato ossia dalle 9 alle 18. Il biglietto d’ingresso per la visita guidata è di € 12,00 (intero).

Cosa fare a Padova

Visitare i mercatini

Nel cuore del centro storico di Padova ci sono tante piazze che si rincorrono l’una con l’altra. In Piazza delle Erbe ad esempio potrai trovare un vivace mercato all’aperto che si tiene tutte le mattine nei giorni feriali e per l’intera giornata del sabato, e a farla da padrone sono bancarelle con bellissime verdure fresche di stagione, frutta, erbe e piccole piante vive. Nei sotterranei del Palazzo della Ragione troverai invece un mercato chiuso che offre salumi, formaggi e cibi già preparati.

Ammirare la Chiesa degli Eremitani

In occasione di una passeggiata nel centro storico di Padova oltre alle più note strutture religiose della città, ne potrai approfittare per visitarne altre molto belle. Tra le migliori c’è senza dubbio la Chiesa dei Santi Filippo e Giacomo risalente all’anno 1276 e comunemente nota come degli Eremitani. Nel suo interno ci sono inoltre alcuni interessanti affreschi ben tenuti e che meritano di essere presi in considerazione. Altre importanti piazze e negozi sono tra l’altro presenti nelle sue immediate adiacenze, quindi una visita è vivamente consigliata.

Visitare l’orto botanico

Risalente alla metà del XVI secolo l’orto botanico di Padova è uno dei più antichi al mondo, e si tratta di un bellissimo giardino designato Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Sede di oltre 7.000 esemplari e 3.500 diverse varietà di flora, il contesto mira a proteggere la biodiversità. Visitarlo a 360 gradi ti farà conoscere non solo tante specie, ma anche di apprendere per ogni singolo esemplare il suo linguaggio e significato.

Come arrivare a Padova

Per raggiungere la città di Padova puoi optare per diverse soluzioni ossia in auto, con il treno, in bus oppure prendendo l’aereo.

Nel caso della prima, ti basta percorrere l’Autostrada A4 Venezia-Milano uscendo poi a Padova Est oppure sul versante Ovest.

Per quanto riguarda la seconda opzione devi sapere che ci sono tanti bus (clicca qui per le offerte) che percorrono il medesimo tratto autostradale, e che ti portano al centro città senza alcun problema di parcheggio visto che gran parte è pedonalizzato.

In riferimento al viaggio in treno va invece detto che puoi raggiungere Padova da Roma e da Milano oltre che da tante altre località del nord Italia. Clicca qui per i biglietti in offerta.

Infine se hai optato per l’aereo, va sottolineato che per arrivare a Padova puoi partire dal Marco Polo di Venezia o dagli aeroporti di Treviso e Bologna.

Cosa e dove mangiare a Padova

  • Bigoli con ragù di gallina: si tratta di un tipo di pasta fresca e lunga condita con un delizioso ragù proprio di gallina.
  • Tagliatelle radicchio e pancetta: il radicchio tipico del trevigiano misto alla pancetta, è un’altra specialità di Padova che puoi assaggiare con le tagliatelle rigorosamente fresche e mantecate con il formaggio taleggio.
  • Paccheri al ragù d’anatra: si tratta di un piatto di antica tradizione Padana, e che i cittadini di ogni località di questa zona adattano in base ai propri gusti e disponibilità di materia prima. Il ragù di anatra è nel caso di Padova il condimento più comune per la suddetta pasta larga.
  • Baccalà alla padovana: il baccalà anche a Padova come a Vicenza recita un ruolo fondamentale nell’arte culinaria della regione Veneto. Nel caso della città patavina, l’elaborazione della ricetta prevede l’uso di acciughe, uvetta, pinoli, cannella e foglie di alloro.

Tra i tanti locali in cui mangiare davvero bene ti consigliamo:

Ristorante Belle Parti – Via Belle Parti, 11 -Telefono: +39 049 875 1822. Questo locale al centro di Padova propone una cucina padovana, biologica e vegetariana

Dove dormire a Padova

Se stai pianificando un week-end a Padova e intendi sapere quali sono le migliori zone in cui dormire, va subito detto che il centro storico è la soluzione maggiormente appropriata. Il contesto infatti ti permette di avere a portata di mano tutti i siti di particolare interesse storico, e di muoverti in piena libertà a piedi sia per visitarli che per trovare i migliori ristoranti e caffetterie. Tuttavia devi sapere che se preferisci alloggiare fuori dalle mura cittadine allora la zona dello stadio Euganeo è buona, ma con il rischio che in occasione di partite di calcio e soprattutto incontri di rugby (Petrarca Padova) c’è il problema di trovare le strade intasate.

Booking.com

Tags:

Facci sapere cosa ne pensi

Lascia un commento

Sviaggiare.it
Logo