Villa d’Este a Tivoli: orari, prezzi e cosa vedere

Villa d’Este a Tivoli è la dimostrazione di quanto la provincia romana abbia da offrire a livello storico-artistico, nonostante sia “schiacciata” da una Capitale così ingombrante.

Villa d’Este è uno dei simboli del Rinascimento italiano, gioiello architettonico e scenografico di Tivoli dichiarato dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Consulta le migliori offerte di Hotel e B&B a Tivoli

Villa d’Este: Storia

Nel Cinquecento, il Cardinale Ippolito d’Este (figlio di Lucrezia Borgia e di Alfonso I d’Este) aveva ricevuto in dono dall’allora Papa Giulio III diversi territori nella zona di Tivoli. Per avere il controllo diretto su territori così ampi, il cardinale decise di trasferirsi a Tivoli così da poter gestire tutto in prima persona. Egli commissionò Villa d’Este, che venne inaugurata nel 1572.

Da allora, questo edificio è stato crocevia di artisti di primissimo piano (un nome su tutti: Bernini), conoscendo un periodo di degrado dovuto all’incuria solo durante il passaggio di proprietà agli Asburgo, quando vennero abbandonati i giardini con i giochi idraulici e andarono in rovina molte delle statue dei tempi del Cardinale Ippolito.

Le cose si aggiustarono a metà Ottocento quando, per mano del cardinale Gustav von Hohelohe, furono intrapresi lavori di ristrutturazione. E’ di questo periodo il passaggio in villa di Franz Liszt e la composizione della celebre sonata per pianoforte “Giochi d’acqua a Villa d’Este”.

Durante la Prima Guerra Mondiale Villa d’Este diventa proprietà dello Stato Italiano, che la sottopone a numerose ristrutturazioni, soprattutto dopo i bombardamenti del 1944, che provocarono numerosi danni all’intera Villa.

Visitare Villa d’Este a Tivoli: cosa vedere

Palazzo d’Este

Anche se è più nota per i mirabolanti giardini, Villa d’Este vanta un palazzo di sicuro interesse.

Il palazzo d’Este presenta una facciata elegante presso la quale si accede tramite il cosiddetto vialone delimitato dalla Gran Loggia e dalla Fontana d’Europa.

Il palazzo d’Este è sviluppato su tre distinti piani ognuno dei quali ospita aree e luoghi di interesse:

  • parla ad esempio dell’Appartamento Vecchio o Superiore;
  • la Sala delle Storie di Salomone, raggiungibile dall’androne;
  • l’Appartamento Inferiore, caratterizzato dall’affresco di “Ercole Sassano” e dal Salone della Fontanina.

Gran Loggia

La Gran Loggia delimita il Vialone sulla sinistra della Villa.

Fu realizzata fra il 1568 e il 1569, anche se in realtà non venne mai utilizzata come sala da pranzo. La Loggia infatti, ha alle spalle uno splendido affaccio sulle campagne tiburtine, e uno straordinario paesaggio.

Giardino

Opera del geniale Pirro Ligorio, il Giardino di Villa d’Este si articola fra terrazze e pendii, con un asse longitudinale centrale e cinque assi trasversali.  Ciò che rende la villa ulteriormente spettacolare è il sistema usato per alimentare fontane, vasche e zampilli. Al di sotto infatti, si estende una rete di vasi comunicanti che si alimentano esclusivamente con la pressione naturale.

Le Cento Fontane

La fontana è costituita da tre piccoli corsi d’acqua che dovevano allegoricamente rappresentare (per l’alimentazione degli zampilli) il fiume Albuneo, il fiume Aniene e il fiume Ercolaneo. Progettata anch’esse da Pirro Ligorio, congiungono idealmente la Fontana dell’Ovato o di Tivoli (Monti tiburtini) alla Rometta o Fontana di Roma (Fiume Tevere), progetto architettonico volto a simboleggiare la contrapposizione tra le due città.

Fontana dell’Ovato

Si fa notare per la “cascata” centrale che alimenta la vasca sottostante a forma di ovale, da cui prese il nome. Per la sua bellezza viene chiamata anche la “Regina delle Fontane“.

La Rometta

Fu realizzata nel 1570 dal fontaniere Luigi Maccarone. Posizionata su un grande basamento, regala ai visitatori una splendida vista dalla retrostante terrazza.

Fontana della Civetta

Il suo nome è dovuto ad un sofisticato meccanismo idraulico che, sfruttando la caduta dell’acqua permetteva la comparsa di uccelli di metallo su rami di bronzo posti nella nicchia. Un meccanismo simile, invece, faceva apparire una civetta che, spaventando gli uccelli, attutiva il loro canto. Tutto questo, purtroppo, è andato perduto.

Fontana di Pegaso

È chiamata così per la statua di Pegaso rampante al centro della fontana, creatura mitologica nata dalla decapitazione di Medusa da parte di Perseo. Pegaso si presenta con le ali chiuse e le zampe posteriori poggiate su un masso, posizione che sembra preludere ad un suo imminente balzo per spiccare il volo.

Fontana dell’Organo

Deve il suo nome all’ingegnoso meccanismo idraulico celato al suo interno, il cui scopo era quello di produrre sonorità simili a quello dell’organo. Questo capolavoro di ingegneria e di arte barocca, fu realizzato tra il 1568 e il 1611, al tempo del Cardinale Alessandro d’Este. Si distingue dal resto della Villa (rinascimentale), per lo stile barocco.

Villa d’Este a Tivoli: orari e prezzi

Villa d’Este è situata in Piazza Trento, 5 a Tivoli (Indicazioni)

Gli orari d’apertura sono: tutti i giorni 8.30 – 19.45, ad eccezione del lunedì, dove l’apertura è alle ore 14.

Il costo del biglietto è di € 12 per l’intero, € 6 per il ridotto e € 2 per i cittadini UE tra i 18 e i 25 anni.

Ovviamente, date le attuali procedure, l’ingresso va prenotato, quindi vi consigliamo di acquistare il biglietto saltacoda, oppure ancora meglio una visita guidata che comprende sia Villa d’Este che Villa Adriana.

Dormire dalle parti di Villa d’Este a Tivoli

Tivoli è una cittadina meravigliosa, che offre molto altro che la già notevole Villa d’Este: pensate a Villa Adriana o Villa Gregoriana. Può dunque valer la pena alloggiare da queste parti, considerate anche le tariffe più contenute rispetto a Roma.

Noi vi consigliamo questi tre posti:

Regina Bed and Breakfast (verifica disponibilità)

A soli trecento metri da Villa d’Este, ecco un posto di gran classe! Collocato in un edificio del 1700, tutte le camere del Regina sono dotate di arredi storici e pavimenti in parquet.

B&B Catillo (verifica disponibilità)

Situato a pochi passi da Villa D’Este, il B&B Catillo occupa un edificio ristrutturato del XVII secolo nel centro di Tivoli. Offre camere arredate in stile classico (soffitti a volta, travi in legno a vista) con connessione Wi-Fi gratuita.

Torre Sant’Antonio (verifica disponibilità)

A 500 m da Villa d’Este e a 5 km da Villa Adriana, il Torre Sant’Antonio offre sistemazioni con WiFi gratuito. Tutte le stanze sono dotate di bagno privato con doccia, aria condizionata, TV a schermo piatto e frigorifero.



Booking.com

Facci sapere cosa ne pensi

Lascia un commento