Dove fare shopping a Milano

Milano ha una delle passerelle più prestigiose del mondo (Milano Fashion Week) e alcune delle scuole di moda più famose. E’, in definitiva e costantemente, una delle più importanti “città della moda” al mondo.

Il “quadrilatero della moda” è il nome sotto cui si “nasconde” la zona commerciale più importante di Milano, dove firme come Prada, Gucci, Moschino, Versace o Bulgari hanno le loro migliori boutique.

Qui di seguito trovate un elenco delle principali via dello shopping milanese.

Leggi di più –> Milano: la guida di viaggio

Via Montenapoleone

Al primissimo posto, non poteva che esserci via Montenapoleone, la via più lussuosa di Milano. Conosciuta precedentemente come”Contrada del Monte”, la via prende il nome dall’omonima istituzione finanziaria sorta in epoca napoleonica per gestire il debito pubblico. A partire dagli anni cinquanta via Montenapoleone s’impone come la più importante del commercio mondiale e si caratterizza oggi per la larghissima presenza di negozi e saloni delle più prestigiose case di alta moda mondiale, inserendosi nel cosiddetto “Quadrilatero della Moda”, assieme alle vicine via Pietro Verri, via della Spiga e via Sant’Andrea.

Via della Spiga

Al terzo posto, l’immancabile via della Spiga, considerata anch’essa una delle zone più lussuose di Milano, oltre che uno dei maggiori centri dello shopping dell’alta moda a livello mondiale. A differenza di via Montenapoleone, via della Spiga è chiusa al traffico ed è interamente pavimentata in pavè: oggi, considerata la via più marketing oriented di Milano, che si caratterizza per la larghissima presenza di negozi e showroom delle maggiori marche internazionali, si identifica anch’essa come uno dei lati del celebre Quadrilatero della Moda. Le origini del nome sono piuttosto incerte, ma si suppone discendano dalla nota famiglia Spighi, presente a Milano ai tempi di Francesco II Sforza, figlio minore di Ludovico il Moro e Beatrice d’Este.

Via Manzoni

Presente all’appello anche Via Manzoni, una via del centro di Milano facente parte del Quadrilatero della moda e considerata una delle zone più sfarzose, oltre che uno dei maggiori centri dello shopping dell’alta moda a livello mondiale. Via Manzoni, la più lussuosa via d’Europa dell’ottocento, ha inizio da Piazza della Scala e termina in corrispondenza degli archi di Porta Nuova, e prima di essere dedicata ad Alessandro Manzoni era chiamata “Corsia del Giardino”.

Corso Venezia

Precedentemente conosciuto come corso di Porta Orientale, è la via di Milano che congiunge piazza San Babila con porta Venezia. Conosciuta come una delle vie più eleganti di Milano, Corso Venezia costituisce l’ultimo dei quattro “lati” del Quadrilatero della moda. Agganciandosi a Corso Buenos Aires e a due passi dal parco IndroMontanelli, Porta Venezia, all’epoca luogo di passeggiate e ritrovo della nobiltà milanese, è il top per chi dopo una cattiva giornata al lavoro, o dopo un frenetico giro tra i negozi, volesse rilassarsi al parco, o cenare in uno dei lussuosi ristoranti della zona.

Via Sant’Andrea

Conosciuta nel medioevo come Contrada, via Sant’Andrea, che segue l’antico tracciato delle mura romane, è conosciuta come una tra le vie principali della moda milanese, zona di conventi e di chiostri. La sua storia ha inizio intorno alla fine del Settecento, quando gli aristocratici invasero il territorio, marchiandolo nel senso vero e proprio del termine. Da allora, infatti, la strada si caratterizzò sempre più per il lusso, famiglie ricche e importanti vi si trasferirono e, al tempo stesso, uno dopo l’altro aprirono lo sportello diversi antiquari e gioiellieri di fama internazionale. Oggi la via non fa altro che convergere a sè milioni e milioni di turisti assetati di shopping.

Corso Emanuele

Corso Vittorio Emanuele, invece, nota come corsia dei Servi, è una delle strade più importanti del centro di Milano: con oltre centinaia di negozi, è la meta più ambita dai turisti che giungono in città per fare compere, data soprattutto la sua vicinanza con Piazza Duomo. La strada ha una origine molto antica: dall’epoca romana, sotto il nome di corsia dei Servi, nome dal convento servi di Maria, rappresentava il primo tratto della strada che a Milano congiungeva piazza Duomo alla Porta orientale. L’antica corsia dei Servi fu regolarizzata ed ampliata negli anni venti e trenta del XIX secolo, e le vecchie case di origine medievale vennero sostituite da palazzi di maggior prestigio in stile neoclassico.

Corso Buenos Aires

Corso Buenos Aires, come dimenticarsi di lei! Tra le più lunghe strade commerciali di Milano, con oltre 350 punti vendita, il corso è capace di produrre un fatturato giornaliero complessivo tra i più alti al mondo, contando come media ben centomila persone ogni giorno. Sviluppandosi in oltre 1600 metri, con orientamento nord-sud, si attesta come una delle passeggiate commerciali più lunghe d’Europa: la strada si estende da porta Venezia in piazza Oberdan, fino a piazzale Loreto. Il nome della via, che era inizialmente Corso Loreto e derivava il suo nome dalla Chiesa di Santa Maria di Loreto, venne successivamente rinominata Corso Buenos Aires nel 1906, in occasione dell’Esposizione universale.

Corso di Porta Ticinese

Il Corso di Porta Ticinese, è un’altra tra le più importanti vie dello shopping milanese: se vi trovate in centro a fare il classico giro della città, non si può non percorrere Via Torino, a due passi dal Duomo, per arrivare in Corso di Porta Ticinese. In mezzo a opere dalla storia più grande, la via presenta decine di imperdibili ed unici negozi, meta prediletta dei più assetati di shopping. Conosciuta per la sua omonima Porta, una delle sei principali, che in passato identificava uno dei sei sestieri storici in cui era divisa la città, oggi permette ai suoi visitatori di passeggiare per i negozi tra le splendide colonne di San Lorenzo sino al Carrobbio.

Via Torino

Tra le più antiche vie di Milano, non poteva mancare via Torino, asse di collegamento tra piazza del Duomo, Corso di porta Ticinese e Navigli. Grazie alla posizione assai favorevole in cui si trova, nota per tradizione storica come sede di botteghe e laboratori artigianali, è oggi uno dei maggiori punti d’obbligo dei compratori d’eccellenza. Protagonista di continui mutamenti nel corso dei secoli, il tracciato è rimasto pressoche’ inalterato, comprese le vie laterali ed i vicoli che formavano anticamente i borghi medioevali e le contrade, dei quali ancora oggi sono visibili alcune tracce, che confermano l’importanza che tuttora la via riveste.

Corso XXII Marzo

Ultima, ma non per importanza, tappa d’obbligo per gli amanti dello shopping milanese, non poteva che essere Corso XXII Marzo: a due passi dalla famosissima Piazza Cinque Giornate, nata a seguito delle Cinque Giornate del 1848 e l’Unità d’Italia, che porta al centro un monumento proprio per ricordare la vittoria su Radetzky e gli austriaci, è insieme a Corso Buenos Aires tra le più lunghe. Anch’essa con oltre centinaia di negozi, è lunga quasi due chilometri; non troppo trafficata, è l’ideale per chi volesse accompagnare alle sue compere del sano relax.

Le strade più importanti della zona sono Via Montenapoleone e Via della Spiga. Fra queste vie ci sono altre strade che compongono il famoso Quadrilatero, anche se nessuna di loro può vantare la fama delle precedenti.

Ovviamente, in queste famose boutique non troverete mai offerte e occasioni, ma vale comunque la pena visitare la zona. Vi consigliamo di dare uno sguardo alle vetrine delle migliori boutique e osservare la gente che frequenta questi negozi.

Esistono molte altre zone dello shopping, alcune anche a prezzi convenienti.

Fateci sapere cosa ne pensate

Lascia un commento