Bologna: cosa vedere e fare, le migliori attrazioni ed esperienze

Bologna, capoluogo del’Emilia Romagna, è una città che racchiude in sé il fascino di una grande ricchezza storica e architettonica e di una sempre rinnovata vivacità culturale. Tratto questo che la contraddistingue perché sede della più antica università del mondo occidentale: non a caso è soprannominata ‘La Dotta’.

I primi insediamenti urbani sono datati intorno al 1000a.C. e, nel corso dei secoli, è stata culla delle diverse civiltà che si sono succedute, dagli Etruschi ai Celti, ai Romani fino ad arrivare al Medio Evo ed all’epoca dei Comuni; e poi ancora capitale dello Stato Pontificio nel ‘500; ebbe inoltre un ruolo centrale durante il Risorgimento e, nel secolo successivo, ruolo propulsore della Resistenza durante il secondo conflitto mondiale.

La vocazione culturale della città le ha sempre procurato un ruolo di primo piano negli avvenimenti storico-sociali del Paese, e oggi sono ben conservati e visibili i risultati architettonici delle varie fasi che ha attraversato ed a cui ha dato vita.

È proprio per questo che quando si decide di visitare Bologna ci si trova costretti a scegliere un itinerario: i posti che meritano di essere visti sono davvero tanti! Di seguito una piccola selezione dei luoghi simbolo della città.

Consulta le migliori offerte di Hotel e B&B a Bologna

Cosa vedere a Bologna

Vista la moltitudine delle attrazioni presenti in città, se avete la necessità di ottimizzare i tempi, potreste prenotare una visita guidata a piedi in quelli che sono i luoghi più emblematici del centro storico.

Via Indipendenza: qui rimarrete colpiti dai famosi portici: la città vanta 40km circa di lunghezza di questa particolare struttura architettonica che caratterizza gli antichi edifici e, dal 2021, sono considerati patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.

Sempre su questa via, al civico 9, l’incredibile cattedrale cittadina, dedicata a “San Pietro”, che stupisce per gli interni davvero ampi, non presagibili dall’ingresso esterno. Costruita nel XVII, sulle rovine di un edificio paleocristiano, ha un campanile che rappresenta la seconda torre più alta in città.

Come arrivare: sono tanti i bus che potranno portarvi nelle immediate vicinanze (il 10,20,97,101)
Quando e quanto: si può visitare la chiesa ogni giorno dalle 7:00 alle 19:00, compatibilmente con le celebrazioni liturgiche; l’ingresso è gratuito.

“Piazza del Nettuno”. L’omonima statua del Giambologna, domina incontrastata il centro città da oltre 5 secoli.

Come arrivare: bus linea A e poi ancora il’11, il 13, il 19,il 20, il 30

“Piazza Maggiore” famosa anche come “Piazza Grande” dove noterete subito:

– Palazzo dei Banchi, conosciuto come portico del Pavaglione perché era il luogo dove si teneva la fiera dei bachi da seta; è la costruzione più ‘recente’ del contesto: è infatti della fine del 1500.
Quando e quanto: Purtroppo non è aperto al pubblico.
– La Basilica di San Petronio con la sua caratteristica facciata incompiuta e i sontuosi interni che la rendono la quarta chiesa d’Europa per grandezza.
Quando e quanto: Ogni giorno dalle 7:00 alle 19:00 – L’ingresso in Basilica è gratuito; è richiesto un foto ticket di 2€ nel caso si vogliano fare degli scatti oppure di 5€ per l’accesso alla terrazza panoramica che domina tutto il centro storico. Sono previste agevolazioni per gruppi, anziani e bambini.
– Il Palazzo dei Notai: la costruzione fu iniziata alla fine del XII sec. e completata un secolo dopo su mandato dell’omonima corporazione che voleva farne la propria sede. È un edificio elegante e architettonicamente molto interessante, con vetrate di pregio e affreschi del ‘400.
Quando e quanto: Visitabile solo in occasione di mostre e eventi e il prezzo è quella dell’occasione in questione.
– Palazzo D’Accursio, detto anche Palazzo Comunale, che ospita al suo interno la celebre biblioteca Salaborsa e che, con una pavimentazione trasparente, consente di vedere reperti dell’antico insediamento romano della città di ‘Bononia‘.
Quando e quanto: L’ingresso al palazzo è gratuito ma per visitare le sale, la torre dell’orologio e le collezioni d’arte comunali, è necessario un ticket di 8€ a persona (agevolazioni per bambini e possessori della Card Cultura). Chiuso il lunedì mattina e nei giorni festivi.

Come arrivare: Piazza Maggiore è raggiungibile solo con i mezzi pubblici e i taxi perchè all’interno della ZTL (in bus con le lineee 25 e 27 al costo di 1€).

“Santuario della Madonna di San Luca” raggiungibile tramite quella che è nota come la via porticata più lunga del mondo (3,8Km circa). Sono molto ben organizzate delle visite con audio-guida che portano a destinazione a bordo di un trenino panoramico e prevedono anche un ristoro con degustazioni presso il mercato storico.

Come arrivare: Bus linea 94 o taxi.
Quando e quanto: ingresso gratuito tutti i giorni dalle 7:00 alle 18:30

Una visita al centro storico di Bologna non può non contemplare le due più famose torri: la “Torre degli Asinelli e la Torre della Garisenda”. Le strutture, entrambe pendenti, portano il nome di coloro che ne hanno voluto la costruzione: tra l’XI e il XII secolo tutte le famiglie più in vista commissionavano questi edifici a cui veniva attribuito un forte valore simbolico in termini di rappresentatività del proprio potere.

Come arrivare: mezzi pubblici o taxi con accesso alla ZTL.
Quando e quanto: tutti i giorni, con quattro ingressi ogni ora (uno ogni 15 minuti); ticket di 5€ (3€ ridotto); oppure con un percorso guidato che, alla fine, vi introdurrà alla scoperta di prelibatezze tipiche del luogo.

Cosa Fare a Bologna

Tappa d’obbligo è l’Osteria del Sole, la più antica di Bologna, che fin dal 1425 è celebre per la mescita del vino: nessun cibo è qui servito ma lo si può portare dall’esterno.

Un gioco che diverte i visitatori è quello che è possibile fare al “Palazzo del Potestà”: sotto quello che è chiamato il Voltone del Potestà, dove sono collocate le statue dei quattro protettori della città, si crea una particolare risonanza acustica che consente di sentire quel che viene anche appena sussurrato se si è appoggiati alla colonna di fronte.

Come arrivare a Bologna

Arrivare in città è abbastanza semplice, Bologna infatti è molto ben collegata.
In aereo: ha un suo aeroporto, il Guglielmo Marconi, che dista soli 10Km dal centro cittadino e si trova nella zona di Borgo Panigale; da lì è possibile spostarsi sia in bus che in taxi.
In treno: i treni veloci provenienti sia da Nord che da Sud fanno tappa a Bologna. Sia da Roma che da Milano i collegamenti sono previsti con una cadenza di ogni ora; gli altri treni fanno si che i collegamenti da e per la città siano molto frequenti. La stazione si trova in prossimità del centro cittadino (circa 15 minuti a piedi) ed è ottimamente servita da bus e taxi.
In auto: è raggiungibile da ben tre autostrade quindi, in base al luogo di partenza, potrete decidere di utilizzare la A1, la A13 e la A14 e poi immettervi nella tangenziale che circonda buona parte della città.

Cosa e dove mangiare a Bologna

Patria indiscussa di Lasagne, Tagliatelle e Tortellini, di seguito alcuni indirizzi dove degustarli secondo tradizione.
Vicolo Colombina: vicinissimo a piazza Maggiore, famoso per le lasagne al ragù di carne bianche
Osteria Bottega: anch’essa in centro, in via Santa Caterina, ideale per degustare passatelli e tortellini.
Trattoria da Vito: in via M. Musolesi, offre come specialità della casa, tortelli in brodo e tagliatelle al ragù

Dove dormire a Bologna

La scelta è veramente ampia: potrete trovare B&B molto confortevoli a costi contenuti fino a sontuosi hotel di lusso; starà a voi scegliere in base ai vostri desideri. In alcuni periodi dell’anno i famosi eventi fieristici che si tengono in città potrebbero rendere la ricerca un pò più impegnativa.

Clicca qui per le migliori offerte di alloggi a Bologna

Tags:

Facci sapere cosa ne pensi

Lascia un commento

Sviaggiare.it
Logo