Cosa vedere a Torino in tre giorni

Siete a Torino per un ponte o un weekend lungo? In questo post vi daremo alcuni suggerimenti su come visitarla nei suoi posti più significativi.

Se volete visitare una città come Torino in tre giorni dovreste essere in grado di visitare accuratamente i monumenti e le attrazioni principali, quelle che assolutamente non potete perdere. Questo articolo vi aiuterà ad organizzare un percorso coerente e comodo.

Torino City Card

Per un soggiorno di questa durata, vi consigliamo di valutare la Torino City Card. E’ possibile scegliere la Card in base al tempo di soggiorno previsto, da 1, 2, 3, e 5 giorni. Ingresso gratuito in oltre i 180 siti culturali della regione, gratis anche i principali trasporti turistici di Torino: ascensore della Mole Antonelliana, la cremagliera di Superga, il treno per l’aeroporto e quello per le residenze di Venaria e Moncalieri. Agevolazioni su visite guidate, riduzioni su City Seightseeing Torino e noleggio sci, compresi eventi teatrali, opere e concerti musicali.

Abbonamento Musei

Abbonamento Musei da la possibilità di visitare tutti i musei, le residenze reali e i siti culturali del Piemonte. Inoltre è possibile avere riduzioni o agevolazioni anche in diversi musei della penisola. Il costo è di 49 euro intero, 30 euro ridotto per giovani fino ai 26 anni, persone oltre i 65 anni, soci delle associazioni dei musei aderenti e dell’Associazione amici dell’Università di Torino. E’ possibile acquistarlo in tutti i musei della città e negli uffici del turismo presenti ed ancora nelle relative province del Piemonte.

Cosa vedere a Torino in tre giorni: itinerario a piedi

Veniamo ora al dunque, con le tappe di un itinerario che vi permetterà di visitare il meglio di Torino in tre giorni.

Per redarre questa guida, supponiamo che voi alloggiate al Centro, o che comunque arriviate la mattina in città attraverso una delle principali stazioni ferroviarie (Porta Nuova o Porta Susa).

Primo Giorno

Caffè Al Bicerin

Se vi trovate a Torino per la prima volta, la tappa obbligatoria per una colazione torinese è il Bicerin. Aperto fin dal 1793, il Bicerin è uno dei caffè storici del capoluogo piemontese (prediletto da Camillo Benso di Cavour) e luogo natale del Bicerin. Si tratta di una bevanda calda a base di caffè, cioccolata e crema di latte la cui ricetta originale è custodita gelosamente da questo caffè. Non potete passare a Torino e non assaggiare questa delizia magari insieme ad un piatto misto di biscotti secchi piemontesi di produzione artigianale. Quale modo migliore per iniziare un tour turistico di Torino?

Piazza Castello

Si tratta di una delle piazze più grandi d’Italia, il cosiddetto “salotto di Torino”. Una volta arrivati vedrete stagliarsi davanti a voi il maestoso Palazzo Reale, la cupola del Duomo e Palazzo Madama. Torino è una città molto signorile, e ve ne accorgerete soprattutto dalle sue imponenti ed eleganti piazze.

Palazzo Madama

A questo punto potete dirigervi verso l’atrio di Palazzo Madama, sulla destra guardando Palazzo Reale: il costo del biglietto è di 10 euro e potrete così entrare in un sito dell’Unesco che ospita numerose e importanti opere d’arte (antiche sculture, porcellane e una pinacoteca). Vi sono spesso anche mostre temporanee o eventi particolari per scuole. Calcolate circa una o due ore di visita.

Palazzo Reale

Il Palazzo Reale di Torino è stato un antico e prestigioso centro di potere della famiglia sabauda per tre secoli. Con la fine della Monarchia nel 1946, invece, l’edificio venne quasi totalmente abbandonato, molte delle sale furono sigillate, e solo nel 2007 il palazzo è stato riaperto al pubblico. Patrimonio dell’UNESCO dal 1997, oggi questa maestosa reggia mostra con orgoglio la mano di tutti i celebri artisti che vi lavorarono tra il XVII e il XIX secolo, rendendola uno dei più importanti siti di interesse artistico e culturale della città di Torino. 

Il Palazzo Reale di Torino fa parte dei Musei Reali che comprendono oltre a quest’ultimo, l’Armeria Realela Galleria Sabauda e il Museo Archeologico.

Orari:
Dal martedì alla domenica dalle 9.00 alle 19.00 (ultimo ingresso alle 18.00)
Chiuso il lunedì

Tariffe:
Biglietto intero: 12 €
Biglietto ridotto: 6 €

A questo punto si sarà fatta ora di pranzo, quindi potete fermarvi a rifocillarvi in uno dei tanti ristoranti della zona.

Mole Antonelliana e Museo del Cinema

Basilica di Superga

torino basilica di superga

Al ritorno, stanchi ma abbagliati dall’architettura piemontese la sosta alla Basilica di Superga è doverosa, eretta sul colle ad Est di Torino fu fatta costruire su ordine di Vittorio Amedeo II dopo la vittoria sui francesi nel 1715, dista pochi km dal centro di Torino ma la fitta natura circostante confonde il turista. Vittorio Amedeo II, dopo una promessa solenne, fece erigere la basilica dall’architetto Filippo Juvarra, come ringraziamento alla Vergine Maria per la vittoria sui francesi. Il primo Novembre del 1731 veniva inaugurata la maestosa Basilica di Superga, casa dell’eterno riposo della famiglia Savoia.

La storia però non termina con i Savoia, protagonista della tragedia è la squadra del Grande Torino di Valentino Mazzola, il tragico incidente del 4 Maggio del 1949 è un ricordo triste nella mente di ogni piemontese. In quella data l’aereo che trasportava la squadra calcistica torinese, si schiantò contro il terrapieno posteriore della Basilica di Superga, furono 31 le vittime.
La Cupola è accessibile solo i giorni di Sabato e Domenica dalle ore 9.30 alle 18, il costo è di 3 euro intero, ridotto 2 euro per ragazzi compresi tra i 18 e 25 anni, disabili accompagnati, guide turistiche, minori di 12 e possessori della Torino Piemonte Card.
Gli appartamenti reali solo accessibili nel giorni da lunedì a venerdì solo su prenotazione, il sabato e la domenica dalle 9.30 alle 18. i costo del ticket è di 4 euro prezzo intero, ridotto 3 euro per disabili accompagnati, guide turistiche, minori di 12 e possessori della Torino Piemonte Card.

Siamo arrivati alla fine del nostro weekend piemontese, abbiamo visitato diverse strutture, siti culturali, musei, mangiato i piatti tipici della cucina torinese e vissuto la movida notturna.

Ora non ci resta che rientrare a casa con il ricordo di una città all’interno della quale si respira aria di storia senza rinunciare a servizi efficienti e moderni.

Orari

ESTATE (dal 1 marzo al 31 ottobre):

Dal Lunedì alla Domenica: 10:00 – 13.30 e 14.30 – 19:00 (ultimo ingresso 18:15)

Mercoledì chiuso (aperto in presenza di gruppi prenotati)

INVERNO (dal 1 novembre al 31 gennaio):

Il Sabato, la Domenica e i Festivi: 10:00 – 13.30 e 14.30 – 18:00 (ultimo ingresso 17:15)

INVERNO (dal 1 al 29 febbraio):

La Domenica e i Festivi: 10:00 – 13.30 e 14.30 – 18:00 (ultimo ingresso 17:15)

in caso di maltempo l’apertura non sarà garantita

Apertura straordinaria nel periodo Natalizio dal 25 dicembre al 6 gennaio (stessi orari)

Apertura su prenotazione durante i giorni lavorativi per gruppi di minimo 20 persone.

prenotazione visita (solo per gruppi minimo 20 persone), per numeri inferiori non si accettano prenotazioni.

Prezzi

Biglietto intero: € 5,00 (Tombe Reali o Appartamento)

Biglietto ridotto: € 4,00 (Aquistando un biglietto per l’ingresso alle Tombe Reali o Appartamento Reale si ha diritto alla riduzione sul secondo spazio museale)

(Riduzioni per GRUPPI DI MINIMO 20 PERSONE, Soci TCI, ACI, FAI, ARCI, Forze dell’Ordine, Dipendenti Ministero Beni Culturali, Studenti, Scolaresche, Giornalisti, Insegnanti, Over 65, soci CTS e studenti ISIC CARD)

Biglietto ridotto con CartaOro di CronacaQui: € 4,00 a tutti coloro che si presenteranno in biglietteria mostrando la CartaOro di CronacaQui.

Biglietto gratuito

(Abbonamento Musei, To+Piemonte Card, Royal Card, Guide Turistiche, Portatori di Handicap, Accompagnatori di un gruppo (minimo 20 persone), Bambini sotto i 12 anni.)

Tags:

Facci sapere cosa ne pensi

Lascia un commento

Sviaggiare.it
Logo