Merano: cosa vedere e fare, le migliori attrazioni ed esperienze

Merano, dopo Bolzano, è la città più grande dell’Alto Adige. Già durante la Belle Epoque era conosciuta, a livello europeo, come ambita località di villeggiatura e per le sue straordinarie terme.

Consulta le migliori offerte di Hotel e B&B a Merano

Cosa vedere a Merano‌

I giardini botanici di Castel Trauttmansdorff

Il Castel Trauttmansdorff risale al medioevo. Rimangono tracce delle antiche origini nelle mura e nella cripta. Gli affreschi che decorano le sale sono, invece, del ‘500. Verso la metà del 1770, il Conte von Trauttmansdorff modificò la struttura dell’edificio conferendogli lo stile neogotico dell’epoca. La principessa Sissi vi soggiornò per un breve periodo.

Gli immensi giardini che circondano il Castello si estendono per 12 ettari suddivisi in oltre 80 ambienti botanici distinti. Quattro le aree tematiche: i Giardini del Sole dedicati al Mediterraneo; i Boschi del Mondo, con incantevoli ruscelli e cascate; i Giardini acquatici e terrazzati con uno splendido laghetto di ninfee; i Paesaggi dell’Alto Adige, con l’orto di montagna e il vigneto.

I giardini sono aperti tutti i giorni da aprile a novembre con orari differenti a seconda della stagione: da aprile al 15 ottobre, dalle 9 alle 19; dal 16 ottobre al 31 ottobre, dalle 9 alle 18; dall’1 novembre al 15 novembre, dalle 9 alle 17. La visita dura circa tre ore. Il costo del biglietto è di 15€ per gli adulti, 12€ per over 65 e ragazzi tra i 6 e i 18 anni. I bambini di età inferiore a 6 anni entrano gratuitamente.

Qui puoi prenotare la visita.

La Torre delle Polveri‌

Durante la guerra dei trent’anni, nella prima metà del 600, i governanti di Merano, per mettere al sicuro la città, decisero di immagazzinare tutta la polvere da sparo nel mastio di Castel Ortenstein.
Il castello fu successivamente demolito. Sopravvisse la sola torre, nota come Torre delle Polveri, che oggi è una delle attrazioni più importanti di Merano.
La piattaforma che si trova in cima alla torre, alta 20 metri, raggiungibile tramite una scala agevole, offre una vista spettacolare non solo della città ma anche della Val d’Adige e della Val Venosta.

Museo civico‌ o Palais Mamming Museum‌

Il Museo Civico di Merano, oggi denominato Palais Mamming Museum, fu inagurato nel 1900 dal medico Franz Innerhofer. Le 27 sezioni del museo ripercorrono la storia di Merano e di tutto il Tirolo a partire dalla preistoria.

Il museo è aperto tutti i giorni, con l’eccezione del lunedì, dalle 10,30 alle 17. Il costo del biglietto intero è di 6 €; il biglietto ridotto (over 65, studenti, disabili gruppi superiori a 10 persone) ha un costo di 5 €.

Rione Steinach‌

Le origini del Rione Steinach‌ che risalgono al XII secolo ne fanno il quartiere più antico di Merano.
I suoi edifici e i vicoli affascinano il visitatore trasportandole in epoche lontane.
Vi si accede dalla Porta Passiria, costruita nel 1330 e caratterizzata dalla struttura sottile.

Passeggiata Tappeiner, Passeggiata Passirio e Wandelhalle

La Passeggiata Tappeiner è un sentiero, a 100 m di altezza sopra la città, lungo circa 4 km che costeggia il Küchelberg (il Monte di Merano). Dalla passeggiata si gode una vista meravigliosa della città e della Valle.

Caratteristica la vegetazione mediterranea presente lungo il sentiero: eucalipti, fichi d’india, cedri e aloe.
La Passeggiata Tappeiner è detta anche la corona della città di Merano perché la circonda partendo dalla Chiesa Parrocchiale. Il sentiero è facilmente percorribile e adatto ai bambini e ai passeggini.

Il Passirio è il fiume che attraversa Merano. Sulla riva destra del fiume si stende la Passeggiata d’Inverno che deve il suo nome al fatto che, essendo particolarmente soleggiata, viene percorsa durante la stagione fredda. All’inizio del sentiero si trova la WandelHalle, insolito edificio allungato di stile liberty costruito alla fine del 1800 per ospitarvi manifestazioni teatrali e concerti.

La Passeggiata d’Estate, sulla riva opposta, è facilmente percorribile anche durante la stagione calda grazie alla frescura assicurata dai tanti alberi, alcuni molto antichi.

Cosa fare a Merano

Degustare vino a Castel Rametz‌

Castel Rametz, di proprietà della famiglia Schmid, si trova a Maia Alta di Merano. I 10 ettari che circondano il castello sono coltivati a vigneti . Il pianoterra del castello ospita, dal 1980, il Museo del Vino.
Nel 2018, tre spumanti prodotti nella tenuta hanno vinto il The WineHunter Award.
La struttura comprende la Casa del Vino, un’eccellente enoteca, e un ristorante.

Visitare le Terme‌

La particolarità delle Terme di Merano è che si trovano in prossimità del centro storico. La struttura ospita 25 piscine. La piscina principale e la piscina salina si trovano all’aperto.
L’area sauna comprende, oltre alla sauna finlandese, anche un bagno turco e l’originale Sala della Neve: una vasca riempita di neve fresca con una temperatura inferiore a 10 gradi sotto lo zero. Disponibili anche inalazioni terapeutiche.

Gli orari e i giorni di apertura sono i seguenti: per le piscine esterne e il parco, dalle 9 alle 20 di ogni giorno; per le piscine interne la chiusura e prevista alle 22; per le saune, orario 13-22 da lunedì a venerdì, 9-22 i fine settimana. Il Fitness center è chiuso di Domenica.
Il costo di accesso alle sole terme è di 14€ (20€ per terme e sauna) per due ore, 16€ (22€ per terme e sauna) per tre ore, 22€ (28€ per terme e sauna) per tutto il giorno.

Fare shopping nella Via dei Portici

La Via dei Portici di Merano inizia dalla Porta di Bolzano, risalente al 1300, e prosegue per circa 500 metri fino alla Piazza del Grano.
E’ l’ideale per lo shopping: piccole botteghe pittoresche e negozi moderni si alternano su entrambi i lati della strada in uno scenario affascinante e di sapore medievale.

Visitare i mercatini di Natale

A Merano l’atmosfera magica della tradizione altoatesina si rinnova ogni anno nei mercatini che si tengono lungo la Kurpromenade.
Sapori, profumi e luci rendono indimenticabile la visita tra i vari stand gastronomici e di oggetti tipici della zona.

Merano come arrivare

Per arrivare a Merano in treno è necessario partire dalla stazione di Bolzano. Il viaggio dura circa 40 minuti.
Sempre da Bolzano è possibile raggiungere Merano in autobus (maggiori info qui).
Per arrivare in aereo, il piccolo aeroporto di Bolzano è quello più vicino, ma è servito da pochissimi voli. È preferibile scegliere l’aeroporto di Verona e da qui raggiungere Bolzano e proseguire, quindi, per Merano.
In auto, sull’A22, uscire a Bolzano Sud e imboccare lo svincolo per la superstrada Bolzano-Merano.

Merano cosa e dove mangiare

I piatti tipici di Merano sono quelli della tradizione gastronomica del Sudtirolo. Il prodotto più emblematico è lo speck, accompagnato da fragranti fette del famoso pane scosso, lo Schüttelbrot. Si tratta del classico pane di segale, tipico del nord Europa, che durante la preparazione viene scosso per appiattirlo.
Tipici delle tavole di Merano sono anche i famosi canederli: grandi gnocchi di pane raffermo, spesso serviti in brodo.
Tra i dolci, oltre al famoso strudel, meritano una menzione il Kaiserchmarren, una specie di omelette strapazzata servita con uvetta e marmellata di frutti di bosco, e la Torta di Merano.

Merano Dove Dormire

Per visitare la città, usufruire delle Terme e visitare i mercatini natalizi, il centro storico è la zona ideale per pernottare.
Se si preferisce visitare anche i dintorni della città si può scegliere di alloggiare in strutture delle vicinanze che risultano anche più convenienti.



Booking.com

Facci sapere cosa ne pensi

Lascia un commento

Sviaggiare.it
Logo