Perugia: cosa vedere e fare, le migliori attrazioni ed esperienze

Splendido capoluogo dell’Umbria, Perugia è un vero e proprio gioiello architettonico con un centro storico medievale circondato da mura Etrusche. Il tempo non ha alterato la struttura di questa parte della città che rimane, ancora oggi, un perfetto borgo del ‘300 volutamente arroccato su un promontorio per conferirgli una più efficace struttura difensiva.

Nonostante le visibili e preziose testimonianze del passato, è una città accogliente e vivace, sede di una delle più antiche Università Italiane e una per Stranieri. È proprio l’alto numero di studenti stranieri presenti dà quotidianamente luogo al confronto con differenti culture e le conferisce una particolare propensione alla modernità.

Consulta le migliori offerte di Hotel e B&B a Perugia

Cosa Vedere a Perugia

Piazza IV Novembre: il cuore della città. La Piazza vanta una cornice fatta interamente di costruzioni monumentali: da una parte il Palazzo dei Priori, dall’altra il lato Ovest della Cattedrale di San Lorenzo, e poi l’inizio di Corso Vannucci, strada principale del centro storico.

Al suo centro è posta la Fontana Maggiore una tra le più celebri del nostro paese. Realizzata da Nicola Pisano con l’ausilio del figlio Giovanni, sorprende per la ricchezza dei dettagli con cui è istoriata. Le cinquanta formelle marmoree raffigurano il calendario dei lavori agricoli, le arti liberali e la filosofia, e poi i simboli della città, il Grifo e il Leone.

Come arrivare: tutto il centro storico e ZTL – arrivare in prossimità con i mezzi pubblici e muoversi a piedi.

Tour a piedi con guida professionista

La Cattedrale di San Lorenzo

Come arrivare: a piedi, è in pieno centro
Quando e quantoPer la Cattedrale, durante la settimana 7.30-12.30, 15.30-18.45; festivi: 8.00-13.00, 16.00-19.30; l’ingresso è libero.
Per il Museo Capitolare e l’Area Archeologica: gli orari variano stagionalmente ma sempre aperto nella fascia 10:00-13:30. Biglietto: Museo €6 – Area Archeologica €10.

I lavori per la costruzione furono avviati a metà del ‘300 e durarono per oltre un secolo e mezzo, lasciando comunque incompleta la facciata principale e quella laterale che dà su piazza IV Novembre: solo la parte inferiore risulta decorata da rombi di marmo bianchi e rosa.

Luogo di pellegrinaggio perché custodisce quello che secondo la tradizione cattolica fu l’anello nuziale della Madonna contenuto in un vero e proprio capolavoro di arte orafa il Reliquario del Sant’Anello: quest’ultimo viene purtroppo aperto solo due volte l’anno a fine luglio, con l’inizio delle celebrazioni per San Lorenzo e il 12 Settembre, festa della Madonna delle Grazie.

Il Chiostro della Cattedrale ospita il Museo Capitolare: 25 sale contenenti dipinti realizzati dall’XI al XIX secolo, una collezione di codici miniati, ricchi paramenti sacri e capolavori di arte orafa. Dallo stesso edificio si accede all’AreaArcheologica dove sono ben visibili le stratificazioni della città e delle civiltà che si sono succedute: da quella Etrusca, a quella Romana, poi tardo-antica e infine medievale.

Palazzo dei Priori

Come arrivare: a piedi
Quando e quantoPer il Palazzo, la Pinacoteca e la Sala del Mappamondo tutti i gg dalle 9:00 alle 19:00 – dom. 9:00-13:00; Biglietto €3
Per la Galleria Nazionale dell’Umbria: da martedì a domenica 8:30-19:30

Forse il più maestoso esempio di edilizia civile del Medioevo Italiano. Attualmente sede del Comune e della Galleria Nazionale dell’Umbria. I lavori per la sua costruzione iniziarono nel 1293 ma, nel corso del tempo, ha subito aggiunte e rimaneggiamenti che lo hanno reso asimmetrico e forse, per questo, ancora più affascinante.

Colpiscono gli imponenti portali gotici in bronzo, uno posto sul lato che dà su Corso Vannucci, l’altro all’apice della scalinata che si trova in piazza IV Novembre, dal quale si accede alla Sala dei Notari: ambiente completamente affrescato con rappresentazioni allegoriche, bibliche e stemmi gentilizi.

La collezione d’arte ospitata in quella che era la Pinacoteca Pietro Vannucci, è di enorme pregio e racchiude opere di Piero della Francesca, il Beato Angelico, Nicola e Giovanni Pisano, il Perugino e il Pinturicchio. Da vedere la Sala del Mappamondo, ricca biblioteca, contenente oltre 16.000 volumi, al centro della quale è posto un mappamondo del diametro di 2 metri.

La Rocca Paolina

Come arrivare: a piedi
Quando e quanto: 
tutti i giorni dalle 6:15 alle 20:00 – ingresso libero

Così detta perché voluta da Papa Paolo III che voleva creare un luogo inespugnabile, al pari di Castel Sant’Angelo in Roma. Per costruirla furono abbattuti molte costruzioni appartenenti alla famiglia Baglioni, particolarmente invisa al Papa.

Fu un simbolo del potere Pontificio fino all’annessione dei territori al regno d’Italia: proprio per questo fu in larga parte distrutta. Al suo interno sono state collocate delle scale mobili che congiungono Piazza dei Partigiani a Piazza Italia, nel centro storico.

L’oratorio di San Bernardino

Come arrivare: a piedi, in 2 minuti, da Corso Vannucci si imbocca via dei Priori
Quando e quanto: tutti i giorni 8:00-12:30, 15:30-17:30 – ingresso libero.

Decorato con una splendida facciata policroma realizzata da Agostino di Duccio utilizzando materiali diversi, è di fatto la più importante opera Rinascimentale di Perugia. Tramite un doppio portale si accede all’impianto Gotico della struttura che ha come altare un sarcofago paleocristiano che custodisce le spoglie mortali del beato Egidio.

Proprio dietro l’altare un portale conduce all’Oratorio di Sant’Andrea, dove sono conservati dipinti realizzati tra dipinti il XVIII e XIX sec; particolare il soffitto a cassettoni.

Cosa Fare a Perugia

Una passeggiata su quello che era l’Acquedotto Medievale che riforniva la fontana maggiore, trasportando l’acqua contro pendenza.

Recarsi ad Assisi per conoscere la cittadina e i preziosi tesori d’arte contenuti nella Basilica di San Francesco.

Come Arrivare a Perugia

In aereo: la città ha un suo aeroporto, il San Francesco d’Assisi, in loc. Sant’Egidio. Collegato alla stazione ferroviaria e al centro storico da bus-navetta. Clicca qui per i biglietti low-cost.
In treno: collegata con treni Frecciarossa, sia dal Sud che da Nord (clicca qui per i biglietti in offerta). Gli altri treni prevedono cambi a Foligno o Terontola, in base alla provenienza.
In auto: Da Roma, autostrada A1, uscita Orte; da qui SS204 direzione Terni e poi si prosegue sulla E45 (o SS3bis) da Terni a Perugia.
Da Milano, autostrada A1, uscita Valdichiana; si prosegue sulla SS75bis che conduce alla città.
Dal versante Adriatico, A14, uscita Cesena e da qui ci si immette sulla E45 direzione Città di Castello-Perugia.
In autobus: come tutte le città universitarie, anche Perugia è molto ben servita da servizi bus; da ogni parte d’Italia vengono effettuate corse dirette da parte di compagnie private. Clicca qui per i biglietti Flixbus in offerta.

Cosa e dove mangiare a Perugia

Gli gnocchi al sugo d’oca, gli Stringozzi al Tartufo nero di Norcia, gli Umbricelli al Rancetto, la Torta al Testo, l’Impastoiata, i Palombacci alla Perugina e il Brustengolo (dolce della tradizione contadina) sono solo alcuni dei piatti tipici della gastronomia locale. Di seguito alcuni indirizzi dove poterli degustare.

Osteria a Priori, Via dei Priori, 39 Tel. +39 075.572 7098
Locanda del Bartoccio, Piazza Giacomo Matteotti, 39 Tel. +39 075 928 4804
La Taverna, Via delle Streghe, 8 Tel. +39 075 573 2536

È possibile vivere un’esperienza gastronomica assaporando piatti della tradizione preparati in maniera casalinga.

Dove dormire a Perugia

Il prezzo medio di una camera matrimoniale in deliziosi hotel situati in pieno centro è intorno agli 80€. Nei meravigliosi dintorni, potrete trovare soluzioni più economiche in antiche dimore di campagna ristrutturate e adibite ad agriturismo.

Booking.com
Facci sapere cosa ne pensi

Lascia un commento

Sviaggiare.it
Logo