Piacenza: cosa vedere e fare, le migliori attrazioni ed esperienze

Piacenza è una città ubicata in Emilia Romagna tutta da scoprire e capace di sorprendere. Contrariamente a quanto si possa pensare, infatti, ha tantissimo da offrire a quanti la scelgono per un soggiorno. Dispone di celebri chiese come la Chiesa di Sant’Antonio oppure il Duomo con all’interno opere d’arte tramandate di generazione in generazione. È impossibile, peraltro, non farsi ammaliare dalla bellezza e dai contrasti dei colori del Palazzo Gotico oppure non apprezzare Palazzo Farnese e Piazza Cavalli con i suoi negozi e uno stile unico.

Scopriamo insieme quali sono i principali punti di interesse presenti a Piacenza.

Consulta le migliori offerte di Hotel e B&B a Piacenza

Cosa vedere a Piacenza: luoghi d’interesse

Il Duomo

Dove: Piazza Duomo | Come: in auto da A1 uscita Piacenza Nord e da A21 uscita Piacenza Sud | Quando: da martedì a venerdì dalle ore 9:00 alle 12:00, sabato e domenica dalle ore 10:00 alle 19:00 | Quanto: Biglietti

Simbolo della città con la sua affascinante zona esterna caratterizzata dal doppio colore creato dall’uso del marmo rosa e della pietra arenaria. Bellissima la torre campanaria annessa per un’altezza di 72,5 metri. Al suo interno c’è una fonte battesimale risalente al V secolo e una cripta realizzata in epoca medievale.

La Basilica di Santa Maria di Campagna

Dove: Piazzale delle Crociate 5 | Come: in auto da parcheggiare presso strutture private| Quando: tutti i giorni dalle 10:00 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 17:40 | Quanto: Gratuito

Secondo la leggenda, la Basilica di Santa Maria di Campagna è stata realizzata su un pozzo nel quale, al tempo dei romani, venivano gettati i martiri cristiani. Si tratta di un edificio la cui costruzione è stata completata nel 1528 con stile manierismo. Al suo interno la splendida cupola affrescata dal Pordenone e tante tele di pregio.

Palazzo Farnese

Dove: Piazza Cittadella 29 | Come: con bus 19, 9, E41, E8, E57, MB | Quando: tutti i giorni la mattina dalle ore 9:00 alle 13 mentre il pomeriggio dalle 15:00 alle 18:00 soltanto il venerdì, il sabato e la domenica | Quanto: Biglietti

La famiglia Farnese nel corso della seconda metà del Cinquecento fecero costruire questo splendido palazzo per sottolineare il loro potere. Oggi all’interno della struttura sono ospitati i Musei Civici permettendo ai visitatori di apprezzare numerose opere d’arte.

Chiesa e Pozzo di Sant’Antonio

Dove: Piazza S.Antonino | Come: in auto | Quando: feriali dalle ore 8:00 alle 12:00 e dalle 16:00 alle 18:00, i festivi dalle ore 9:00 alle 12:30 e dalle ore 15:00 alle ore 19:00 | Quanto: Gratuito

La Chiesa di Sant’Antonio è stata completata nell’anno 375 in stile romanico italiano e presenta una splendida torre campanaria a forma ottagonale. Al suo interno c’è un chiostro, una meravigliosa volta affrescata e un portale marmoreo nel Portico del Paradiso davvero notevole per bellezza.

La Galleria Ricci Oddi

Dove: via San Siro 13 | Come: a soli 10 minuti a piedi da Piazza Cavalli | Quando: da martedì a domenica dalle ore 9:30 alle 12:30 e dalle 15:00 alle 18:00 | Quanto: Biglietti

La Galleria è stata inaugurata nel 1931 e da allora ha ospitato importanti opere di arte contemporanea e moderna. Ci sono anche realizzazioni risalenti all’Ottocento per una proposta tutta da gustare.

Cosa fare a Piacenza

Visitare tutti i musei e la Galleria Ricci Oddi

Nonostante Piacenza non sia conosciuta come altre città del Nord per l’importante patrimonio culturale ed artistico, dispone di un bellissimo centro e imperdibili proposte per gli appassionati di arte. Infatti, acquistando un biglietto cumulativo è possibile entrare a prezzi competitivi in ben 5 musei cittadini tra cui spicca la Galleria e il Collegio Alberoni. Sono tante le opere che vengono proposte ai visitatori tra cui celebri quadri di Antonello da Messina. Facendo tappa ai musei civici di Palazzo Farnese ci sono tante collezioni che raccontano anche la storia di questo territorio. Presso la Galleria d’arte moderna Ricci Oddi è invece possibile scoprire opere contemporanee.

Visitare Piazza Cavalli

Il centro pulsante e cuore della città di Piacenza è Piazza Cavalli. Il suo nome deriva dalla presenza di due statue di cavalli in bronzo che ricordano le gesta di Alessandro Farnese e di suo figlio Ranuccio. Si tratta di straordinarie opere d’arte realizzate nei primi anni del Seicento. In questa zona, dove è bello rilassarsi magari sorseggiando un drink oppure un caffè con amici e accompagnatore di viaggio, si può apprezzare la bellezza del Palazzo Gotico che dispone di una facciata ottenuta in caratteristico marmo rosso di Verona. Documenti storici raccontano che il palazzo fu anche, per un breve periodo, la struttura che ospitò il celebre poeta Francesco Petrarca.

La Chiesa e Pozzo di Sant’Antonio e Sala dei Teatini

Tra i capolavori più conosciuti ed apprezzati presenti sul territorio di Piacenza c’è la Sala dei Teatini e la maestosa Chiesa di Sant’Antonio. C’è da lasciarsi ammaliare dalla bellezza degli affreschi presenti sulle pareti della sala dei Teatini e che fanno riferimento a scene allegoriche e classiche della Bibbia con racconti suggestivi che riguardano santi, profeti e angeli. In diversi periodi dell’anno, vengono anche organizzati concerti con straordinari artisti che mettono a disposizione del pubblico la loro arte.

Le Chiese di San Savino e San Sisto

Per chi ama l’arte religiosa e la storia che si nasconde dietro la cristianità, ci sono due splendide chiese a Piacenza da non perdere come la chiesa di San Savino e la relativa cripta della chiesa di San Sisto. Entrambe le strutture si propongono con uno stile in parte gotico e romanico e con tantissime opere d’arte conservate al loro interno. La chiesa di San Sisto presenta una struttura a tre navate a croce latina e un bellissimo chiostro con 21 arcate. Passeggiare tra questi luoghi permetti di fare un vero e proprio viaggio a ritroso nel tempo immaginando quello che accadeva nel periodo medievale e soprattutto durante le preparazioni in vista delle Crociate in Terrasanta.

Come arrivare a Piacenza

Si può arrivare a Piacenza in diversi modi. Per chi preferisce l’aereo è necessario fare scalo presso gli aeroporti di altre città tra cui Milano Linate, Milano Malpensa, Parma, Brescia e Bergamo.

Dall’aeroporto poi è necessario prendere un taxi oppure noleggiare un’auto. Per un viaggio in treno, ci sono soluzioni praticamente da tutta Italia (clicca qui per i biglietti in offerta).

Infine, in auto, provenendo da Torino, si può arrivare dalla A21 e imboccare l’uscita Piacenza Ovest mentre se si giunge da Brescia allora è consigliabile l’uscita Piacenza. Per chi invece arriva da Milano oppure da Bologna si può scegliere l’autostrada A1 e imboccare l’uscita Piacenza Sud oppure Basso Lodigiano.

Cosa mangiare a Piacenza

A Piacenza come del resto in tutta la regione Emilia Romagna, la cucina è davvero straordinaria, ricca di sapori e genuina. Di seguito una serie di piatti tipici da provare:

  • Gnocco fritto – Una pasta fresca semplice e gustosa preparata soltanto con farina, acqua e sale da assaporare insieme ai salumi del territorio.
  • Anolini in brodo – Si tratta di pasta fresca all’uovo ripiena con stracotto di manzo e con una spolverata abbondante di pangrattato e Grana Padana con l’aggiunta di uova.
  • Pisarei e fasò – Un ottimo primo piatto che prevede una perfetto abbinamento tra gnocchetti di pasta fresca che vengono ottenuti con pane raffermo e farina e un sugo a base di fagioli borlotti.
  • Tortelli con ricotta e spinaci – Questo piatto è tra quelli più iconici della cucina emiliana con tante varianti gustose da servire soprattutto con burro e salvia oppure anche in brodo.
  • Stracotto di manzo – Tra i secondi piatti è probabilmente quello più conosciuto e viene preparato con carne di manzo insieme ad alcuni aromi che ne stuzzicano la qualità, e passata di pomodoro, prezzemolo e vino. Può essere servito anche insieme alla polenta.

Una piccola lista dei ristoranti a Piacenza che propongono tutti i piatti tipici appena descritti:

  • – Ristorante Castiglia, via Giuseppe Verdi 16/A
  • – Taverna Rabarbaro, Piazza della Cittadella 9
  • – Lo Fai, via Cavalletto 4
  • – Osteria Carducci, via Giosuè Carducci 6
  • – Ristorante Vecchia Piacenza, Corso S. Bernardo 1

Dove dormire a Piacenza

Piacenza è una città che sa offrire tante soluzioni per chi vuole soggiornare godendo di numerosi comfort e senza spendere cifre eccessive che tuttavia possono cambiare in maniera considerevole in funzione del periodo. Ci sono alberghi di lusso ma anche pensioni e bed and breakfast con un ottimo rapporto qualità – prezzo. Ecco, per te una selezione delle migliori offerte.

Booking.com
Facci sapere cosa ne pensi

Lascia un commento

Sviaggiare.it
Logo