Bobbio: come arrivare, cosa vedere, dove dormire e mangiare [GUIDA]

Nella Val Trebbia, all’interno della zona appenninica della provincia di Piacenza, sorge Bobbio, un comune di circa 3500 abitanti reso celebre dell’aspetto medievale e dal lungo Ponte del Diavolo.

La bellezza di Bobbio è stata certificata dalla vittoria dell’edizione 2019 dei borghi più belli d’Italia.

In questa guida vi faremo scoprire le sue meraviglie e vi daremo tutte le informazioni per una visita, breve o lunga che essa sia.

Cosa vedere a Bobbio: borgo e luoghi d’interesse

A livello di posizione, Bobbio è un comune montano, situato sulla sponda sinistra del fiume Trebbia, tra i torrenti Bobbio e Dorbida, ai piedi del monte Penice (1460 m). Il borgo è abbarbicato a diverse quote sul livello del mare: il centro storico è intorno ai 300 metri, ci sono poi altri quartieri più esterni che danno direttamente sul fiume che sono più bassi, infine quartieri più alti, intorno ai 400 metri.

La zona è stata abitata fin dalla preistoria, ma accrebbe considerazione a partire dalla colonizzazione romana, per diventare nell’Alto Medioevo uno dei centri più importanti del monachesimo occidentale.

Castello Malaspina

Situato in pieno Centro Storico, costruito nel corso del Trecento, è stato la roccaforte dei Guelfi durante le lotte contro i Ghibellini di Piacenza. La sua imponente torre domina su tutta la zona circostante e dalla sua cima si gode di una bella vista panoramica della città, degli Appennini alle sue spalle e della valle che si apre dopo il corso del Trebbia.

Info Utili

Ingresso

intero € 2,00

gratuito per tutti i cittadini di età inferiore a 18 anni e ogni prima domenica del mese da Ottobre a Marzo e nei giorni 23 novembre, 13, 14, 15 agosto e dal 26 al 29 dicembre

Orari di apertura

invernale (dal 1° ottobre al 31 maggio)

dal lunedì al sabato ore 10:15 – 16:15

Aperto, con ingresso gratuito, la prima domenica del mese dalle ore 10:00 alle ore 16:00

Visite guidate: a partire dalle ore 11:00 una ogni ora (ultima visita alle ore 15:00); giorni festivi a partire dalle ore 10:00 una ogni ora (ultima visita alle ore 15:00).

chiuso nei giorni 1 gennaio e 25 dicembre
chiusura biglietteria e ultimo ingresso 30 minuti prima degli orari indicati

Duomo

Perfetto esempio di arte e architettura emiliana del ‘Quattrocento, con affreschi molto interessanti che sono stati da poco riscoperti sotto uno strato di calce steso alcuni secoli più tardi. La Cattedrale ospita anche gli Archivi Storici Bobiensi, che raccolgono alcuni dei volumi più preziosi dall’VIII al XV secolo.

Monastero di San Colombano

Fondato nel 614 dall’omonimo monaco irlandese sceso in Italia per arrivare a Roma, è una possente aggregazione di edifici tra i quali svetta la facciata della basilica affiancata dall’elegante porticato dell’abbazia, dove hanno sede il museo e il celebre scriptorium. Fino al Basso Medioevo era il vero nucleo di Bobbio, e il museo dell’Abbazia raccoglie moltissimi reperti che partono dal periodo preromano e romano per poi concentrarsi sulla storia di San Colombano e sulla sua tomba, posta nella cripta della struttura.

Ponte Gobbo (o del Diavolo)

Forse la prima e più famosa attrazione di Bobbio, attraversa il fiume Trebbia e collega la città con la strada che porta a Piacenza. Di origine romana, è formato da 11 lunghe arcate irregolari che gli donano un aspetto originale e suggestivo, che è anche all’origine delle leggende sul suo nome. Si narra che il ponte venne costruito con questo aspetto dal diavolo stesso per spaventare i monaci del monastero di San Colombano e impedire loro di attraversare il fiume.

Stabilimenti Termali

Fin dall’antichità Bobbio era famosa per le sorgenti di acqua termale che sgorgavano da molti punti attorno alla città. Ce ne sono per tutti i gusti:

  • Sorgente di Sant’Ambrogio a Piancasale, utilizzata dai monaci di San Colombano per produrre il sale
  • Terme di San Martino, che possono vantare un’acqua ricca di acido solfidrico, bromo e litio
  • Terme di Rio Foino accessibili liberamente e gratuitamente appena fuori dal centro urbano di Bobbio (clicca qui per le indicazioni)

Cosa fare a Bobbio: eventi e manifestazioni

L’agenda di Bobbio è veramente ricca di eventi interessanti da seguire.

Bobbio Film Festival

Nato nella forma di laboratorio per iniziativa del regista Marco Bellocchio, dal 2005 è un vero e proprio festival cinematografico, e si tiene a cavallo dei mesi di Luglio e Agosto. Maggiori informazioni su festival e programma qui.

Carnevale Bobbiese

Ogni anno si tengono le tradizionali sfilate di carri allegorici e gruppi mascherati per le vie e piazze del borgo provenienti sia da Bobbio che dai comuni limitrofi della valle e dei dintorni.

Appuntamento l’ultima domenica di carnevale e come antica tradizione la sfilata si ripeterà per il rito ambrosiano concludendo in piazza Duomo con la Pentolaccia con i tradizionali cestini appesi fatti di mandorle tritate e caramellate e riempiti di dolciumi, che dovranno essere rotti con un bastone dai bimbi bendati.

Falò di San Giuseppe

il 19 marzo, giorno di San Giuseppe, sul greto del torrente Bobbio, in località Candia, viene accesso intorno alle 20.30, un grande falò, un rito che segna il passaggio dall’inverno alla primavera, la fuje, con fogliame, cassette, carta, cartone, tralci di vite, potature, scarti del lavoro dei campi, al suono di un antico ritornello che invoca San Giuseppe affinché faccia tornare la primavera e la bella stagione.

Festa del Pinolo

Sagra tradizionale serale con stand gastronomici e musica dal vivo organizzata nel week-end fra la fine di luglio e l’inizio di agosto dalla Pro Loco.

Festa patronale di San Colombano

Il 23 novembre si festeggia il patrono della città, San Colombano. Le celebrazioni all’Abbazia si svolgono con la tradizionale “Benedizione del pane di San Colombano” da parte del vescovo, che sarà poi distribuito ai fedeli, e varie celebrazioni religiose che coinvolgono anche figure provenienti dall’Irlanda. La solennità è preceduta la sera precedente dalla processione serale del “Transito di San Colombano”, con la processione dell’antico busto reliquiario e le celebrazioni in basilica del transito.

Fiera-mercato

Ogni sabato mattina dalle 8 alle 13, nelle piazze principali e nelle vie cittadine del centro storico, si svolge l’antica e tradizionale fiera-mercato. Si compone di numerose bancarelle di tutti i generi: prodotti tipici, alimentari, biologici, oggettistica, abbigliamento, fai da te, macchine ed attrezzi agricoli e giardinaggio e anche il pesce fresco, in piazza di porta Fringuella.

Irlanda in musica

La manifestazione prevede in luglio tre giorni di musica dal vivo, con una rassegna di concerti serali di musica celtica e irlandese e vari stand gastronomici.

Palio delle contrade

Il palio è una manifestazione di origine medioevale che si tiene l’ultima domenica di giugno. Il torneo prevede la sfida dei contradaioli in varie gare di abilità per la conquista del drappo che diventerà trofeo per la contrada vincente. Le cinque storiche contrade di Bobbio prendono il nome dalle altrettante porte d’accesso alla città medioevale già esistenti nel XII secolo: Alcarina, Fringuella, Agazza, Legleria e Nova.

Sagra della Lumaca

Tradizionale manifestazione natalizia che si svolge di solito nel weekend dell’Immacolata. La tradizione vuole che le Lumache alla Bobbiese vengano consumate la sera dalla vigilia di Natale e Bobbio è una delle sei città delle lumache comprese nell’itinerario gastronomico dell´Italia settentrionale.

Dove mangiare a Bobbio: i migliori ristoranti

La cucina bobbiese è un riuscito mix di cucina emiliana, lombarda e ligure; tra i piatti più rinomati citiamo i maccheroni alla bobbiese, realizzati con l’utilizzo di un ferro da calza e cotti in un gustoso sugo di carne, le ciambelline salate, le già citate lumache in umido, o, ancora, la torta di riso bobbiese con verdure, riso, uova e formaggio.

Per quanto riguarda lo street food, fermatevi in Piazza San Francesco, troverete dopo la fontana una piccola pizzeria, la focacceria da asporto La Pizza del Monastero, provate subito la focaccia con il pesto genovese!

Per lo shopping enogastronomico, consigliamo la Salumeria Porta Nova (Via Porta Nova 23 – Tel. 338 1180559), dove trovate il bractòn tradizionale, i vini della Cantina I Salici ed altri prodotti tipici.

Ecco poi alcuni indirizzi per le buone forchette.

Centro Storico

  • Albergo Ristorante Dei Cacciatori (Contrada Porta Agazza 7 – Tel. 0523 936267)
  • Albergo Ristorante Piacentino (Piazza San Francesco 19 – Tel. 0523 936266).

Nei dintorni di Bobbio

  • Albergo Ristorante Filietto (Costa di Mezzano Scotti – Tel. Tel: 0523 937104)
  • Agriturismo Buon Gusto (Località Barostro di Santa Maria – Tel. 0523 933489)

Dove dormire a Bobbio e dintorni

Bobbio ha moltissimo da offrire anche in tema di accoglienza.

Sia che desideriate dormire in un caratteristico B&B tra le vie del borgo, preferiate un appartamento indipendente, che amiate il lusso di un hotel, o la semplice genuinità di un agriturismo in campagna, Bobbio saprà offrirvi il meglio.

Clicca qui per scoprire le migliori offerte di Hotel e Bed&Breakfast a Bobbio e dintorni.

Come arrivare a Bobbio

Bobbio dista 41 km da Piacenza e 90 km da Genova, di seguito i metodi più semplici per raggiungerla.

Auto: uscire dall’A1 a Piacenza Sud e subito dopo il casello seguire l’indicazione per  Bobbio, percorrendo tutta la tangenziale di Piacenza fino ad immettersi sulla Strada Statale 45 per Bobbio e la Val Trebbia. Chi proviene da Genova deve percorrere la stessa S.S. 45 in direzione Piacenza.
Aereo: arrivando all’aeroporto di Milano Linate o Malpensa, prendere l’autobus per la stazione centrale di Milano, poi il treno.
Treno: scendere alla stazione di Piacenza e prendere il bus di linea per Bobbio.
Bus: Si consiglia, prima di pianificare il viaggio o  prima della partenza, di verificare l’orario dei bus di linea telefonando a SETA (tel. 840.000.216), o consultando il sito www.setaweb.it 

Facci sapere cosa ne pensi

Lascia un commento

Sviaggiare.it
Logo