Cattedrale di Santo Stefano, Vienna: orari, prezzi e cosa vedere

Vienna è una città elegante, regale e austera, proprio come la sua Cattedrale di Santo Stefano, uno dei simboli della capitale austriaca: questa monumentale chiesa è stata teatro di eventi storici di grande rilevanza, come ad esempio il funerale di Mozart e ha rappresentato per secoli l’unione tra potere imperiale e quello clericale.

Cattedrale di Santo Stefano: biglietti online e orari

La Cattedrale è aperta tutti i giorni dalle ore 6:00 alle 22:00 (le domeniche e i festivi l’apertura è posticipata alle ore 7:00). L’accesso, fino alla navata centrale, è gratuito.

La zona centrale della chiesa è aperta dalle ore 9:00-11:30 / 13:00-16:30: il biglietto costa 6€ (ridotto a 2,50 € per i ragazzi fino ai 14 anni).

La Torre Sud e la Torre Nord sono accessibili dalle ore 9:00 alle 17:30 e il biglietto costa rispettivamente 5,50€ (ridotto a 2€ per i ragazzi tra i 6 e i 14 anni) e 6€ (ridotto a 2,50€ per i ragazzi tra i 6 e i 14 anni).

Gli orari delle Catacombe sono (dal lunedì al sabato): ore 10:00- 11:00-11:30-13:30, 14:30-15:30-16:30.
La domenica e i festivi gli orari sono: 13:30-14:30-15:30-16:30. Il ticket in questo caso è di 6€ (ridotto a 2,50€ per i ragazzi tra i 6 e i 14 anni).

Se volete visitare tutta la Cattedrale di Santo Stefano nella sua completezza, puoi acquistare il biglietto tutto incluso (compreso il Tesoro) a 20€ (ridotto a 5€ per i ragazzi fino ai 14 anni).

Con il Vienna Pass (di durata variabile) potete accedere a decine di monumenti viennesi, compresa la Cattedrale di Santo Stefano.

Cosa vedere e come visitare Cattedrale di Santo Stefano

Prima di entrare nella Cattedrale di Santo Stefano, contemplate la monumentalità di questo edificio risalente al 1147, costruito sui resti di una chiesa romana. Venne ampliata nel XIII secolo e solo nel 1359, con Rodolfo IV d’Asburgo, la cattedrale assunse l’aspetto attuale, di stile gotico.
Dell’antica costruzione romanica restano le Torri dei Pagani e il centrale Portale dei Giganti, il cui nome rimanda alla leggenda secondo la quale la tibia di mammut ritrovata sarebbe la gamba di un gigante annegato durante il Giudizio Universale.
Steffl è la Torre Sud alta 137 metri e visibile praticamente da tutta Vienna: se volete godere della vista più bella sulla città, salite i 343 gradini e ammirate il sottostante centro storico Innere Stadt.
Volendo potete salire anche in cima alla Torre Nord, più bassa e sovrastata da una cupola rinascimentale: è qui che è custodita la grande campana Pummerin, nata dalla fusione dei cannoni in bronzo dei turchi.
Dalla cima delle due torri potrete osservare ancora meglio il tetto della Cattedrale, ricoperto da migliaia di colorate tegole smaltate e sistemate in modo tale da ricreare gli stemmi dell’Austria, di Vienna e degli Asburgo.

Entrando nella Cattedrale, ricordate che è un luogo sacro che richiede un abbigliamento consono e rispettoso: dunque niente canotte, pantaloncini corti, gonne troppo corte e cappelli.
L’interno della chiesa è prevalentemente barocco, con i decoratissimi altari addossati ai grandi pilastri e l’altare maggiore in luccicante marmo nero.
Ammirate la bellezza del Pulpito di Pilgram del 1515 in stile gotico fiammingo e, osservando bene, potrete scorgere una figura che sembra sporgersi da una finestrella: è il volto scolpito dello scultore Pilgram.
Non perdetevi il Cristo Crocifisso nella Trinkapelle, la cui barba è talmente veritiera che sembra crescere davvero e la Barbara Kapelle, sotto la cui volta stellata sono conservate ceneri prelevate ad Auschwitz. A due passi dalla Eligiuskapelle si trova invece la veneratissima icona ungherese della Madonna delle Lacrime che, secondo la tradizione cristiana, piange davvero.
La Cattedrale conserva le spoglie di molti reali asburgici, da Federico III a Rodolfo IV, il quale riposa nelle Cripta Ducale delle Catacombe. Visitate questi sotterranei e preparatevi a camminare tra urne con organi interni, ossari e cataste di bare.

Dove si trova Cattedrale di Santo Stefano, come arrivare

La Cattedrale di Santo Stefano sorge proprio nel cuore del centro storico della città, in Stephansplatz.
Non potete arrivare qui direttamente in macchina, essendo tutto l’Innere Stadt completamente pedonale: non vi resta che raggiungere la chiesa a piedi oppure in autobus, attraverso le linee 1A-2A-3A.
Se preferite la comoda metropolitana, utilizzate le linee U1 e la U3.

Dormire nei pressi de Cattedrale di Santo Stefano

La Cattedrale sorge in posizione centralissima a Vienna e a vostra disposizione avete molte strutture ricettive tra le quali scegliere.
C’è ad esempio il The Leo Grand, un boutique hotel elegante, moderno e accogliente, con una colazione a la carte o continentale (verifica disponibilità).
La Pension Sacher è praticamente adiacente alla Cattedrale, con appartamenti confortevoli con vista impagabile, impreziositi dalla cordialità dei gestori (verifica disponibilità).
L’Hotel Sacher è perfetto per godersi un soggiorno esclusivo in una location di fine ‘800, col Cafè Sacher dove sorseggiare caffè viennese accompagnato da un’immancabile fetta dell’iconica torta.

Qui di seguito trovate una mappa con prezzi e offerte sempre aggiornati.

Booking.com

Cattedrale di Santo Stefano: Pacchetti e visite guidate

Facci sapere cosa ne pensi

Lascia un commento

Sviaggiare.it
Logo
Search
Generic filters
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in excerpt