Orosei: cosa vedere e fare, le migliori attrazioni ed esperienze

Cosa vedere ad Orosei? E’ una località in provincia di Nuoro, uno dei centri della Gallura inferiore situato nell’antica subregione delle Baronie.
Si trova accoccolata nella valle del fiume Cedrino, con lo sguardo rivolto verso l’omonimo golfo.
Circondata dal verde rigoglioso della natura e dei parchi del Gennargentu, Orosei rappresenta il perfetto connubio fra mare e montagna.
Impossibile perdersi le meravigliose calette, l’Oasi di Biderrosa e i sentieri di trekking che portano alla scoperta dei monti e del fiume.
E che dire del cuore della città? Un labirinto di vicoletti in stile andaluso con note di falso barocco, edifici baronali e poi i musei.
Venite insieme a noi alla scoperta di Orosei.

Consulta le migliori offerte di Hotel e B&B ad Orosei

Il Museo dei Teatrini in Miniatura “Don Giovanni Guiso”

E’ospitato nei locali di Palatzos Vetzos ed espone una collezione di antichi teatrini in miniatura del ‘700, oltre a disegni, libri rari e opere d’arte senese. Curiosità: nella biblioteca si trova conservato un volume di storia della magia del 1587. Ammiriamo gli allestimenti scenici in miniatura che riproducono luci e scenografie di opere famose quali La Traviata, il Don Carlos o Manon Lescaut, e poi ancora marionette ed oggetti di scena, tutto realizzato rigorosamente in modo artigianale.

info

Apertura: aperto da giugno a settembre, tutti i giorni, eccetto domenica

Il Santuario di S. Antonio Abate

Un complesso architettonico tipicamente medievale che fu costruito sotto la dominazione pisana. Attorno vi si trovano le «cumbessias», le tipiche casette per accogliere i pellegrini in visita ancora usate durante le sagre del paese tra cui il Festa di Sant’Antonio a Gennaio. Ammiriamo la torre costruita a protezione dell’Ospedale e della Chiesa, contro il pericolo dei barbari.

info

Apertura: in occasione della festa
Costo: gratis

Il Castello-Prigione

Anche questa struttura è risalente all’epoca pisana, in origine era un castello giudicale eretto a scopo difensivo. Nel 1449 il castello fu convertito a prigione e con tale destinazione si conservò fino all’800.

Il Santuario della Madonna del Rimedio

In passato svolse la funzione di lazzaretto e di “rimedio” contro due calamità: le epidemie e gli assalti dei Saraceni. Ammiriamo all’interno la statua della Madonna del Rimedio e gli ex-voto.

info

Apertura: in occasione della festa
Costo: gratis

La Chiesa di S. Giacomo Maggiore

E’ una struttura molto importante sia dal punto di vista stilistico che archietettonico. 
E’ situata in cima alla scalinata della Piazza del Popolo ed è stata edificata tra il 600 e il 700, con un chiaro intento di arredo urbano in stile barocco.

info

Apertura: orari delle messe
Costo: gratis

Visitare Orosei: cosa fare

Vedere la Chiesa di Nostra Signora di Loddhusio

Ovvero visitare ciò che ne rimane. Fu edificata nel 1363 ed oggi restano alcuni reperti del muro perimetrale.

info

Apertura: sempre accessibile
Costo: gratis

Passeggiare nelle spiagge di Marina di Orosei

Sono sei chilometri di spiaggia libera, dove si trovano bar e punti ristoro. Da vedere Cala Ginepro.

info

Apertura: sempre accessibile
Costo: gratis

Partecipare alle feste locali

A settembre si tiene la Festa della Madonna del Rimedio, si tengono sagre e banchetti con animazione.
Il Fuoco di Sant’Antonio Abate è una delle feste più sentite nel paese. La festa ha inizio il 16 Gennaio, si accende un grande fuoco con cespugli di macchia mediterranea ammucchiati attorno a su pirone, un alto tronco di cipresso posto al centro della piazza di S.Antonio
La Festa di Santa Maria ‘e Mare si celebra l’ultima domenica di Maggio e vede una processione di barche nel fiume che portano il simulacro della Vergine Maria verso la chiesetta pisana di S. Maria, presso la foce.
La festa di Santa Lucia che viene celebrata due volte all’anno, il 13 Dicembre e prima domenica dopo Pasqua nella chiesetta omonima. Prevede canti e musica folk e si preparano gli amuleti detti “occhi di Santa Lucia” con le conchiglie omonime.

info
Box Content

Visitare le grotte del Bue Marino

Tra Cala Fuili e Cala Luna si trovano le grotte del Bue Marino. Vi si accede direttamente dal mare attraverso due maestose arcate che si aprono nella roccia. La visita si effettua attraverso un apposito percorso illuminato dal quale si possono ammirare stalattiti e stalagmiti specchiarsi nei numerosi laghetti.

info

Costo: Il biglietto d’ingresso ha un prezzo di 9€ e non è incluso nel prezzo del tour in barca.

Fare un tuffo a Cala Luna

Spettacolare spiaggia di sabbia bianca che si trova in fondo ad un canalone tra le montagne. Il fondale è basso e l’acqua come sempre in Sardegna è limpida e trasparente.

info

Apertura: sempre accessibile
Costo: gratis

Prendere il sole a Cala Mariolu

E’ forse una delle spiagge più belle della Sardegna: è formata da piccoli sassolini di marmo rosa misti a sabbia.

Rocce granitiche spuntano qua e là da un mare che più cristallino di così non si può. Il posto ideale per lo snorkeling e per gli amanti del sub.

ATTENZIONE: in nessuna delle spiagge citate si possono raccogliere sassi, conchiglie e sabbia pena multe molto salate.

info

Apertura: sempre accessibile
Costo: gratis

Fare una gita in barca nel Golfo di Orosei

Si parte da Cala Gonone e si compie un’escursione nel Golfo di Orosei. Sono gite molto richieste perciò occorre prenotare con anticipo.

Vedere Cala Goloritzè

Famosissima per le acque cristalline e le spiagge di sabbia fine. Ci si può arrivare a piedi ed in barca.

info

Apertura: sempre accessibile

Costo: gratis

Facci sapere cosa ne pensi

Lascia un commento