Ponza: come arrivare, le migliori spiagge, dove alloggiare

Ponza dove si trova? Storia

Ponza è la principale delle isole Pontine, situata nel Mar Tirreno, al largo della costa meridionale del Lazio.

Usata dai tempi dei Romani come luogo di segregazione, rimase disabitata a seguito delle incursioni saracene e turche. Verrà ripopolata a partire dal 1700 con coloni di origine ischitana prima, e più in generale campana, poi. Il Regime Fascista vi relegò non pochi uomini politici avversi alla dittatura.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale divenne luogo di pesca e villeggiatura.

Come arrivare a Ponza?

L’isola di Ponza può essere raggiunta comodamente tramite traghetto (che consente l’imbarco di auto) oppure, più velocemente, tramite aliscafo (con servizio di soli passeggeri).

L’isola è raggiungibile dalle seguenti località laziali: Anzio, Fiumicino, Formia, Terracina, San Felice Circeo. E’ raggiungibile, anche se più distante, da Napoli.

Clicca qui per le migliori offerte di traghetti per Ponza.

Come muoversi a Ponza?

Ponza non è né minuscola né enorme; percorrerla a piedi, se siete buoni camminatori, è fattibile, anche se ti consigliamo comunque di noleggiare almeno una bici o uno scooter.

Devi tenere presente che sull’isola è presente un efficiente sistema di autobus locali che permette di girare in lungo e in largo. Le linee sono:

  • Porto – Cala Feola – Le Forna;
  • Le Forna – Porto;
  • Porto – Giancos.

I biglietti sono acquistabili in edicole e tabacchi. Per maggiori informazioni su orari e tariffe, visita il sito ufficiale.

Per il resto, ti trovi su di un’isola, no? Quindi quale miglior modo di girarla se non in barca? Oltre alle escursioni già organizzate (che partono dal porto dell’isola), si possono anche noleggiare gommoni, barche a vela e catamarani.

Le migliori spiagge di Ponza

L’isola conta più di 40 km di costa frastagliata con insenature piccole e grandi e scogliere bianche a picco.

Il fondale di Ponza ha un’acqua che mantiene la trasparenza, in certe condizioni, anche fino a 30 metri di profondità, ed è ideale per lo snorkeling e le immersioni.

Chiaia di Luna

Pittoresca baia con tranquille acque color smeraldo e piccola spiaggia circondata da scogli. Per i greci e poi per i romani era un porto, ovvero un approdo naturale che si raggiungeva con un tunnel scavato nel tufo. Sulla falesia sono ancora presenti i resti delle necropoli.

  • Indicazioni
  • Tipologia: sabbiosa
  • Accesso/Servizi: raggiungibile solo per mare. Spiaggia attrezzata
  • Adatta per: amanti della natura, snorkeling

Cala Gaetano

Meno affollata di molte altre, da qui si raggiungono a nuoto Cala Felce e le spiagge di Punta dell’Ebreo (altrimenti raggiungibili solo via mare).

  • Indicazioni
  • Tipologia: scogli/ciottoli
  • Accesso/Servizi: è necessario percorrere una scalinata di circa 300 gradini
  • Adatta per: snorkeling

Cala Feola

Un tempo sito preferito dalle foche monache, è una spiaggia di sabbia circondata dalle colline di Capo Bosco.

  • Indicazioni
  • Tipologia: sabbiosa
  • Accesso/Servizi: dopo il parcheggio bisogna scendere 265 gradini
  • Adatta per: amanti della natura, snorkeling.

Bagno Vecchio

Spiaggia situata sotto una necropoli romana.

  • Indicazioni
  • Tipologia: sabbiosa
  • Accesso/Servizi: il modo migliore per raggiungere la spiaggia è via mare, perché il sentiero non è più agibile
  • Adatta per: snorkeling

Piscine naturali

Rinomata caletta con acqua limpida e fondale roccioso che offre anche servizio bar e noleggio ombrelloni.

  • Indicazioni
  • Tipologia: ciottoli, tufo
  • Accesso/Servizi: spiaggia attrezzata
  • Adatta per: relax

Dove alloggiare a Ponza?

Se stai cercando dove dormire a Ponza, controlla le offerte sempre aggiornate per periodo nella mappa sottostante.

Leggi di più –> Dove dormire a Ponza

Booking.com

Ponza cosa vedere: le migliori attrazioni

Giardino Botanico

Si estende sul versante sud-est dell’isola ed è ricco di specie mediterranee ed esotiche. Qui è possibile ammirare infatti la tipica flora del posto e moltissimi uccelli stanziali e migratori che nidificano in quest’area. Visitabile gratuitamente, su appuntamento.

Porto Borbonico

E’ uno dei migliori esempi di architettura borbonica. Il porto, più nello specifico, è un bacino a forma di ferro di cavallo in un lungomare semicircolare. L’intera struttura è rivolta ad occidente ed è inserita nell’antico porto greco.

Museo Etnografico

Situato all’interno di una grotta nei pressi di Cala Frontone. Al suo interno sono custoditi lettere di storie vissute, attrezzi storici, statue, arredi e fotografie che facevano parte della vita di tutti i giorni degli antichi ponzesi.

Grotte di Pilato

Chiamate così perché probabilmente legate ad uno dei momenti-chiave della carriera di Ponzio Pilato, chiamato sull’isola per sedare una rivolta. Realizzate per essere utilizzate come peschiere, sono composte da 5 grotte scavate nel tufo e collegate tra loro da cunicoli sottomarini uniti a una vasca esterna. L’ipotesi più accreditata è che servissero per l’allevamento delle murene, pesce considerato sacro dai romani, motivo per il quale le grotte sono chiamate anche “l’antico murenaio romano“.

Cose da fare a Ponza e dintorni

Tags:

Facci sapere cosa ne pensi

Lascia un commento

Sviaggiare.it
Logo