Ascoli Piceno: cosa vedere e fare, le migliori attrazioni ed esperienze

Vero gioiello medievale incastonato sulle colline marchigiane, Ascoli Piceno è un punto di riferimento per gli appassionati di storia e arte. Conosciuta anche come città delle cento torri, questa località vanta piazze, vicoli ed edifici che contribuiscono a regalarle un fascino unico. Inoltre, è una meta da non perdere per i palati più golosi che qui possono scoprire le delizie della cucina locale. Vediamo di seguito alcuni luoghi di interesse e informazioni utili se hai in programma una visita ad Ascoli Piceno.

Consulta le migliori offerte di Hotel e B&B ad Ascoli Piceno

Cosa vedere ad Ascoli Piceno: luoghi d’interesse

Piazza Arringo

L’imponente Piazza Arringo è la più antica di Ascoli Piceno. Qui svettano le altezze della Cattedrale di Sant’Emidio e del Palazzo Comunale, conosciuto anche come Palazzo dell’Arengo, al cui interno si trovano le opere della Pinacoteca Civica di Ascoli Piceno. Dall’altro lato della piazza si trova il Museo Archeologico Statale, dove è possibile scoprire le tracce dell’Ascoli segreta.

Cattedrale di Sant’Emidio

Conosciuta anche come il Duomo di Ascoli, questa straordinaria costruzione religiosa a tre navate stupisce il visitatore per i bellissimi affreschi delle volte. Le piccole cappelle ai lati presentano opere di arte sacra tra cui spiccano veri capolavori, in particolare quelli di Carlo Crivelli. Da non perdere la cripta della cattedrale e i suoi mosaici: da qui partono anche i tour che esplorano le antiche catacombe.

Piazza del Popolo

Questa piazza è conosciuta anche come Salotto d’Italia, per il suo essere un elegante punto di ritrovo. Con i suoi edifici prevalentemente realizzati in travertino bianco, Piazza del Popolo è la perla del centro storico. D’estate le Logge offrono riparo dal sole cocente, grazie anche alla presenza di tanti locali dove sedersi e ammirare la bellezza di questa piazza.

Chiesa e Chiostri di San Francesco

Da Piazza del Popolo si gode uno scorcio sulla maestosa Chiesa di San Francesco, un’opera architettonica la cui costruzione ha richiesto ben tre secoli. Con le sue colonne di travertino, che i locali fanno suonare come fossero corde di un organo, questa chiesa svolge un ruolo centrale anche nella vita civile. Meritano una menzione speciale il Chiostro Minore, il Chiostro Maggiore e gli affreschi di Cola d’Amatrice.

Forte Malatesta

Una visita ad Ascoli Piceno non sarebbe completa senza una sosta al carcere medievale ospitato presso il Forte Malatesta. Grazie a un recente intervento di ristrutturazione, quest’opera rappresenta un’esperienza unica per gli appassionati di storia e non solo. Se si ha la possibilità, è consigliabile approfittare di una delle visite guidate alle celle della prigione, senza dimenticare di includere nella visita il Museo dell’Alto Medioevo.

Orari di apertura
Da martedì a venerdì 10-13 e 15-18
sabato, domenica e festivi 10-19
lunedì chiuso

Cosa fare ad Ascoli Piceno

Prendere un’anisetta con la mosca al Caffè Meletti

Nei secoli scorsi seduti sui tavolini riparati dai portici liberty del Caffè Meletti, i cittadini di Ascoli Piceno hanno potuto ammirare Sartre, Hemingway, Mascagni e tanti altri volti famosi. Quest’edificio dalla caratteristica facciata rosa è riconoscibile per la scritta vintage Anisetta Meletti, riferita al liquore a base di anice da gustare con la mosca (un chicco di caffè), che ha contribuito alla fama del bar.

Fare un giro alla Piazzarola

Per guardare la città da un altro punto di vista il quartiere di Piazzarola vanta una posizione privilegiata. Dopo essersi soffermati ad ammirare le lavorazioni artigianali dei negozianti lungo Via Pretoriana, si può scegliere uno dei tanti punti d’osservazione per vedere Ascoli Piceno dall’alto.

Una visita al mercato

Di fronte alla Chiesa di San Francesco il mercoledì e il sabato mattina è possibile perdersi tra le bancarelle del mercato ortofrutticolo: si tratta di un’occasione da non perdere per acquistare specialità tipiche e lasciarsi inebriare dai profumi dei prodotti artigianali.

Ammirare il tramonto da Rua delle Stelle

Rua delle Stelle è un via situata nell’area degli antichi bastioni, da cui si gode di un panorama unico. Una visita è particolarmente consigliata all’ora del tramonto, per scattare una foto straordinaria, oppure di notte per una passeggiata romantica sotto le stelle.

Come arrivare ad Ascoli Piceno

Esistono diversi modi per arrivare ad Ascoli Piceno: per chi viaggia in treno vi sono molti collegamenti dalle linee ferroviarie principali lungo l’Adriatico. Clicca qui per i biglietti in offerta.

Ancona e Pescara sono i due snodi principali a cui far riferimento per chi proviene rispettivamente da nord e da Sud. Se ci si sposta con mezzi propri, l’Autostrada Adriatica e la Statale 16 sono le arterie più comode. Tuttavia, per chi proviene dalla Toscana, dall’Umbria o dal Lazio è possibile percorrere solo brevi tratti di autostrada e far riferimento dopo alle varie statali o provinciali che attraversano il territorio collinare.

Cosa e dove mangiare ad Ascoli Piceno

La cucina ascolana celebra ingredienti locali: si tratta di materie prime eccellenti, che vengono rielaborate attraverso preparazioni lunghe e complesse che risultano in piatti deliziosi.

  • Olive all’ascolana: quando si parla di specialità gastronomiche di Ascoli Piceno non si può non menzionare queste straordinarie palline ripiene di carne e olive di ottima qualità, che vengono poi fritte per un risultato finale croccante e morbido al tempo stesso.
  • Fritto misto: uno dei piatti più rappresentativi di Ascoli Piceno è il vassoio di varie specialità fritte, tra cui compaiono oltre alle olive all’ascolana anche costolette d’agnello, carciofi e i cremini, ovvero cubetti di crema pasticcera fritta. Questa ricca portata può essere consumata come antipasto da condividere oppure come secondo.
  • Bucatini all’ascolana: questo primo piatto prevede l’utilizzo della varietà di oliva tenera, alla quale vengono aggiunti ingredienti poveri ma saporiti quali pomodoro, alici, tonno e prezzemolo.
  • Dolci: le castagnole all’anice, il frustingo e la Pizza dolce sono specialità da assaggiare durante una visita ad Ascoli Piceno.

A seconda dei piatti ordinati, un buon calice di Rosso Piceno Superiore e un bicchierino di anice Meletti sono gli abbinamenti ideali.

Ecco di seguito due locali ideali per assaporare le bontà della cucina locale:

  • Ristorante Le Scuderie (Tel: 0736 258779), situato lungo Mazzini, propone una sintesi tra innovazione e omaggio alla tradizione
  • Osteria Nonna Ninna (Tel: 0736 251523), ristorante storico in posizione strategica

Dove dormire ad Ascoli Piceno

Nonostante sia una città visitata da migliaia di turisti italiani ed esteri, l’offerta in termini di ospitalità è abbastanza contenuta. Anche se la scelta non è particolarmente ampia, il rapporto qualità-prezzo è buono. Inoltre, è possibile trovare diverse sistemazioni all’interno dei palazzi storici riconvertiti in hotel. Per trovare le migliori offerte è consigliabile fare riferimento al box sottostante.

Booking.com

Tags:

Facci sapere cosa ne pensi

Lascia un commento

Sviaggiare.it
Logo