Lanzarote a Dicembre: clima e cosa fare

Lanzarote è l’isola più nord-orientale dell’arcipelago delle Isole Canarie, la più vicina alla costa africana, la terza per popolazione dopo Tenerife e Gran Canaria. Scoperta nel 1312 dal navigatore ligure, Lanzerotto Malocello (al quale deve il nome) è spesso meta delle vacanze per via del suo clima mite e delle bellezze naturali che offre ai suoi ospiti.

In questa isola è quasi sempre primavera, la temperatura è gradevole per tutto l’anno, inoltre risulta essere un viaggio relativamente breve, 5 ore di volo, perfetto anche se non si hanno tantissimi giorni di vacanza.

Lanzarote: il clima

A dicembre Lanzarote risulta essere una delle località più calde d’Europa, per questo si presta ad essere la destinazione ideale per chi è in fuga dal freddo natalizio che avvolge il nostro Paese.

Il clima dell’isola di Lanzarote è veramente piacevole in qualsiasi periodo, con una temperatura media di circa 22°. Nei mesi estivi, da giugno a settembre, la temperatura massima media arriva anche a 32 °C, attestandosi intorno ai 20 ° la notte. D’inverno le temperature massime si aggirano tra i 15 e i 25 °C, per scendere a 14 ° nelle ore notturne, la temperatura più bassa mai registrata sull’isola è stata di 9°.

Ottobre, gennaio e febbraio sono i mesi in cui di solito si riscontrano le maggiori precipitazioni, ma la particolare conformazione montuosa dell’isola fa sì che la maggior parte della pioggia cada nella metà nord-occidentale dell’isola, incluso il massiccio del Famara, lasciando la restante metà asciutta.

A dicembre a Lanzarote troverete quasi sempre il sole, anche se non mancheranno giornate nuvolose, e potrete tranquillamente passeggiare in maglietta e pantaloncini, non dimenticando di mettere in valigia qualcosa di più pesante perché, come abbiamo visto, la sera e la notte le temperature scendono molto. Le medie giornaliere del mese di dicembre sono di circa 19°.

A Dicembre, la temperatura media dell’acqua del mare a Lanzarote è di 20°C.

Clicca qui per le migliori offerte di Hotel e B&B a Lanzarote

Cosa fare a Lanzarote a Dicembre

Nel 1993 Lanzarote è stata dichiarata Riserva della Biosfera dall’UNESCO. Proprio per preservare questa caratteristica e la sua bellezza il 40% del suo territorio è regolato da divieti.

L’isola di Lanzarote non è molto estesa e bastano 2 ore di auto per percorrerla tutta, ma non lasciatevi trarre in inganno dalle dimensioni, perché in questa “botte piccola” c’è molto vino buono, infatti è ricca di luoghi da visitare e attrazioni turistiche.

La varietà di paesaggi che questa isola è in grado di offrirvi è unica al mondo. Troverete circa 30 vulcani attivi, montagne ideali per gli amanti del trekking, spiagge immerse in Parchi Naturali e acque cristalline per le vostre immersioni, saline e rocce a picco sul mare, laghi e percorsi sotterranei. Il clima dell’isola in questo mese vi permetterà di godervi sia un tuffo in mare che lunghe e piacevoli passeggiate alla scoperta della natura.

La Casa-Museo César Manrique

La casa museo di César Manrique si trova ad Haria ed è il luogo in cui visse fino alla sua scomparsa, conserva ancora l’anima e la creatività di questo grande artista.

César Manrique è stato un pittore, scultore, architetto e artista multidisciplinare originario dell’isola di Lanzarote. Dopo gli studi a Madrid e gli anni passati a New York, tornò nella sua isola e avviò un progetto ambizioso e riuscitissimo: usare l’isola come una tela su cui mettere in pratica le proprie idee artistiche e di difesa dei valori ambientali. Nel suo lavoro artistico Manrique mise in campo una serie di interventi sul territorio nei quali è evidente un dialogo rispettoso e di integrazione con l’ambiente naturale.
Molti dei belvederi, giardini, interventi sulla costa, centri culturali dell’isola sono opera sua. Nel 1978 gli venne riconosciuto il Premio Mondiale per l’Ecologia e Turismo.

La Casa-Museo è aperta tutti i giorni dalle 10:30 alle 14:30 e ha un costo di 10€ per gli adulti e 5€ per i bambini

Il giardino dei Cactus

Per gli amanti delle piante, soprattutto di quelle grasse, non si può saltare il Giardino dei Cactus un fantastico giardino botanico di 5000 metri quadrati, in cui troverete 10.000 piante di cactus di oltre 1.200 specie diverse, provenienti da diverse zone del mondo: Perù, Tanzania, Madagascar, Marocco… e in continua espansione con nuovi esemplare. Si tratta dell’ultimo intervento realizzato da César Manrique a Lanzarote.

A dicembre il giardino è aperto dalle 10:00 alle 17:45, l’ingresso costa 5,80€ per gli adulti e 2,90€ per i bambini tra i 7 e i 12 anni.

Parco Nazionale Timanfaya, la terra dei vulcani

Come abbiamo accennato l’isola di Lanzarote ha una conformazione geografica veramente unica e vi si trovano ben 30 vulcani, uno spettacolo che vale la pena di essere vissuto a pieno con una visita al parco nazionale del Vulcano Timanfaya.

La lunga attività eruttiva, dal 1730-1736 e poi nel 1824 ha letteralmente stravolto il paesaggio e le caratteristiche di Lanzarote.

Nel Parco Nazionale Timanfaya César Manrique e Jesùs Soto, nel 1968, hanno creato un’area di circa 14 chilometri con un percorso dei vulcani, progettata per essere attraversata in circa 35 minuti, su un bus attrezzato. Un’area creata tenendo conto dell’estrema fragilità del luogo e pensata per mostrarne la grandezza e bellezza.

Il percorso è perfettamente integrato con l’ambiente in cui è sorto e si sviluppa lungo il nucleo principale delle eruzioni, dove si trova una concentrazione di elementi di interesse come fornaci, grotte e colate. I vulcani oggi sono inattivi, ma la terra sotto di loro è ancora viva.

Cueva de los Verdes

Perdersi un’escursione in questa famosissima grotta, ricca di racconti mitologici, sarebbe un vero peccato. Si tratta di un “tubo” di natura vulcanica formatosi 5.000 anni fa, prima dell’eruzione del Timanfaya ed è un canale vulcanico lungo 7km che collega il Vulcano Corona alla costa e continua per un altro chilometro e mezzo sotto l’oceano. Per questo è chiamato anche “Il tunnel di Atlantide”.

Il Mercato di Pueblo Marinero

Quando tornerete da Lanzarote tutti si aspetteranno un souvenir? Il vostro rientro è a ridosso di Natale e non sapete se farete in tempo ad acquistare regali per tutti? Ritagliatevi un po’ di tempo per fare una visita a Pueblo Marinero, qui troverete un mercato dell’artigianato, con bancarelle ricche di dolci fatti in casa, vestiti, saponi, porse, gioielli, accessori e piccole opere d’arte fatte dagli artigiani del luogo.

Facci sapere cosa ne pensi

Lascia un commento